Covid, Pieve di Teco: al via vaccinazioni per gli over 70 in valle Arroscia. “Un altro passo avanti per uscire da questa situazione, ne faremo oltre 400″/Foto e Video

Attualità Coronavirus Entroterra

All’iniziativa era presente il sindaco di Pieve di Teco e presidente dell’Unione dei comuni dell’Alta Valle Arroscia, Alessandro Alessandri.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Ha preso il via questa mattina, presso l’auditorium ‘Rambaldi’ di Pieve di Teco, la prima delle due giornate di vaccinazioni Covid-19, programmate da Asl 1 imperiese e Regione Liguria, destinate agli over 70 della Valle Arroscia.

In totale, saranno oltre 400 le persone, tra i 70 e gli 80 anni, che riceveranno il vaccino. Oltre l’80% della Popolazione. 

All’iniziativa era presente il sindaco di Pieve di Teco e presidente dell’Unione dei comuni dell’Alta Valle Arroscia, Alessandro Alessandri.

Alessandro Alessandri – sindaco Pieve di Teco

“Oggi è veramente una giornata importantissima perchè riusciamo a mettere in sicurezza un’altra porzione della nostra popolazione, grazie soprattutto alla sensibilità dell’Asl e del suo direttore Silvio Falco, del dottore socio sanitario Predonzani e di Carlo Amoretti, che è veramente l’anima di tutto questo programma di vaccinazioni.

In due giorni ne faremo oltre 400, su una una popolazione di 70-80 anni, che sono oltre l’80%. Le facciamo in loco.

La sensibilità di non far spostare le persone e non farle rischiare. Una occasione per la Valle Arroscia di fare un altro passo avanti per uscire da questa situazione così drammatica.

Devo dire che la maggior parte del personale è volontario. Per poter supportare l’Asl e velocizzare le vaccinazioni, non togliere personale ad altre situazioni, molti che sono dipendenti Asl oggi sono qui volontariamente.

Oltre al solito lavoro fanno in più questo, proprio per dare un senso di comunità forte. Capendo il momento difficile in cui vive il nostro paese. Un ulteriore contributo e per questo li ringrazio di cuore”.

Vaccini Pfizer e Moderna, nonostante sia indicato anche l’Astrazeneca per questa fascia d’età?

“Non metto becco sul tipo di vaccino, non spetta a me. I vaccini Pfizer e Moderna sono più difficili da gestire, vanno congelati, scongelati, ci vuole il farmacista, quindi dove arriva Asl porta quelli. Astrazeneca è più gestibile.

Quando arrivano loro portano questo tipo di vaccino proprio perchè riescono a gestirlo. In altre realtà per noi non è gestibile”.

Appena fatto il vaccino, come si sente?

Tranquillo tranquillo, sono rilassato. È una cosa normalissima, non si sente niente. Un aghetto piccolo piccolo, non c’è nessun problema. Mi sento certamente più tranquillo, adesso c’è ancora il richiamo.

Reazioni avverse? “Io non ci penso neanche a quelle cose li”.

Foto e video di Andrea Pomati e Ornella Forte


Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!