Imperia: il Comune avvia studio per creare il “Museo della Città” a Palazzo Lercari. Formato un Gruppo di lavoro presieduto dall’ex dirigente Mariateresa Anfossi

Attualità Imperia

Al momento non sono previsti oneri di spesa. In seguito si dovrà valutare il costo dell’operazione e individuare i possibili finanziamenti per attuarla

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

La Giunta comunale di Imperia ha approvato una delibera per lo studio di fattibilità volto alla destinazione d’uso di Palazzo Lercari-Pagliari per la creazione del “Museo della Città”. Nella stessa delibera approvata nei giorni scorsi è stato anche creato, a questo fine, un Gruppo di lavoro.

Partendo dal presupposto che, “nell’antico borgo del Parasio, Palazzo Lercari-Pagliari, di proprietà comunale, è un edificio di interesse artistico e storico, nel quale convivono elementi medievali e rinascimentali, con sovrapposizioni stilistiche dal XIII al XVIII secolo, che ne testimoniano le varie fasi costruttive”, la Giunta comunale ha stabilito di verificare la possibilità di creare in esso un “Museo della Città”, con l’obiettivo di “offrire elementi di idonea lettura della locale storia collettiva per rappresentare e promuovere la Città ed il suo territorio“.

La prima fase di studio dovrà attuare:

* verifiche di carattere tecnico sul Palazzo, sia di tipo architettonico a riguardo delle coperture e dei risanamenti interni ed esterni che si rendessero necessari, sia per l’esercizio degli impianti, sia in materia di sicurezza e prevenzione incendi;
* verifiche di carattere museologico sui contenuti, finalizzate ad una prima definizione di percorsi e modalità espositive, volti alla rappresentazione ed alla “narrazione” della storia della Città di Imperia, delle sue frazioni e del suo territorio, secondo criteri di:
sinteticità: individuando temi caratterizzanti di facile comprensione,
semplicità: elaborando soluzioni espositive di agevole realizzazione,
attrattività: catturando con soluzioni emozionali l’attenzione del visitatore;

Le verifiche saranno la premessa per una quantificazione economica degli oneri necessari alla realizzazione del progetto di “Museo della Città” a Palazzo Lercari-Pagliari, per poi individuare le conseguenti misure di finanziamento del progetto.

Per questo, è stato creato un Gruppo di lavoro così composto:

– Dott. ssa Mariateresa Anfossi, Dirigente in quiescenza del Comune di Imperia, cui è stato conferito incarico di collaborazione con Atto di Indirizzo n. 26 dell’11.02.2021, con attribuzione di presidenza del Gruppo;

Gianni De Moro, Dipendente in quiescenza del Comune di Imperia, cui è stato conferito incarico di collaborazione con Atto di Indirizzo n. 210 del 21.07.2020, esperto in materia storica, con attribuzione di definire i contenuti museali;

– Arch. Bartolomeo Papone, con attribuzione di coordinamento del restauro e delle possibili soluzioni espositive;

– Prof. Maria Teresa Verda, Storico dell’Arte, (moglie del sindaco Claudio Scajola) con attribuzione di proposte in campo iconografico, documentale ed artistico;

Settimio Benedusi, Fotografo, con attribuzione di proposte in campo creativo/attrattivo;

– Dott. ssa Simona Gazzano, Presidente del Circolo Parasio, con attribuzioni per la cura dei rapporti dell’istituto in progetto con il quartiere, con attribuzioni di segreteria alla dott. ssa Fabiola Bortolini dell’Ufficio Cultura;

La missione dell’istituzione museale dovrà perseguire precise obbiettivi:

– offrire elementi di appropriata lettura della locale storia collettiva. Costituiranno temi di interesse lo sviluppo urbano, economico e socio culturale del centro urbano e del territorio e le sue peculiarità;

– fornire informazioni, conservare e salvaguardare la storia del territorio, i suoi accadimenti, luoghi, emergenze, personaggi ma anche nei suoi valori immateriali legati alla tradizione;

– comunicare ed esporre per scopi di promozione, studio, educazione e diletto attraverso modalità espositive di tipo creativo/emozionale/attrattivo/immersivo;

– connotare il Museo con ampia valenza operativa, con facoltà di affiancare la finalità conservativa tipica dei musei tradizionali ad un ruolo propositivo nei confronti della vita culturale imperiese contemporanea;

destinare il piano fondi del Palazzo ad uno spazio-ristoro di qualità, legato ai prodotti della tradizione locale e del territorio, inteso quale area di comfort, musica e relax, ed aperto a spazi esterni sia sul fronte di via Vianelli sia sul fronte di piazza Pagliari;

– acquisire spunti tematici da soggetti potenziali portatori di interesse, intendendo il progetto di Museo della Città ampiamente partecipato e condiviso sul territorio, privilegiando le Associazioni, la Scuola, gli Enti ivi operanti.

Il progetto al momento non comporta onere di spesa, trattandosi di “ricognizione iniziale a carattere pre-progettuale“.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!