Imperia: imposta pubblicità, rabbia Confcommercio. “Comune riveda proprie decisioni. Pronti a mettere drappo nero su nostre insegne”

Attualità Imperia

Il presidente cittadino di Confcommercio, Marco Gorlero, ribadisce quanto già espresso all’indomani della diffusione della notizia.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Alla luce del perdurare degli aumenti della tassa sulla pubblicità, applicati dal Comune di Imperia, appena scalfiti dalla riduzione del 50% votata dalla maggioranza in Consiglio comunale, il presidente cittadino di Confcommercio, Marco Gorlero, ribadisce quanto già espresso all’indomani della diffusione della notizia.

Imperia: imposta pubblicità, interviene Marco Gorlero (Confcommercio)

“Le cartelle relative all’imposta sulla pubblicità per le insegne che i commercianti del capoluogo hanno ricevuto, riportano aumenti che, in alcuni casi, superano il 500%.

A poco, dunque, serve la promessa riduzione delle stesse del 50%.

Come abbiamo detto fin dall’inizio di questa vicenda, le insegne degli esercizi commerciali non sono un vezzo, ma un’informazione utile al pubblico e il simbolo della vitalità di una città, soprattutto se questa ha una vocazione turistica.

Non è colpa dei commercianti se il Comune è in pre-dissesto finanziario e, soprattutto in una fase difficile e delicata come questa, non sono i commercianti a poter pagare lo scotto di una situazione non certo generata da loro.

Se l’Amministrazione comunale vuole una città sempre più spenta e sempre più buia, bene: se non rivedrà subito le sue decisioni, noi siamo pronti a mettere dei drappi neri sulle nostre insegne”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!