Imperia: Fratelli d’Italia critica l’appello del sindaco Scajola. “Chiede ai commercianti di non aumentare i prezzi, ma non sono speculatori”

Imperia Politica Politica

Fratelli d’Italia interviene in merito all’appello del sindaco di Imperia, durante la festa per celebrare la fine del coprifuoco

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Fratelli d’Italia della Città di Imperia interviene in merito alle dichiarazioni del sindaco Claudio Scajola, durante la festa per celebrare la fine del coprifuoco dello scorso lunedì 7 giugno.

Per l’occasione, il primo cittadino aveva lanciato un appello ai commercianti: “gli esercizi commerciali offrano l’accoglienza migliore, ma senza aumentare i prezzi“.

Appello ai commercianti del sindaco Scajola: rabbia Fratelli d’Italia

“Si è “celebrato” Lunedì sera il ritorno in zona bianca della nostra Regione e della nostra Città: un evento sicuramente importante per tutti i cittadini di Imperia, ma soprattutto per le attività economiche private che hanno vissuto 14 mesi in un girone dantesco.

Purtroppo, a macchiare la serata, l’inopportuno appello ai commercianti del Sindaco Claudio Scajola:

gli esercizi commerciali offrano l’accoglienza migliore, ma senza aumentare i prezzi”.

Dal punto di vista etico e morale l’appello del Sindaco non fa una grinza, se fosse stato fatto, però, da un Sindaco di un’altra città.

Stride, invece, se fatto dal Sindaco di Imperia dove è aumentata a dismisura la spazzatura con un servizio sicuramente non all’altezza delle spese sostenute, dove l’aiuto per le imprese in difficoltà è stato addirittura inferiore agli aumenti delle imposte!

A Imperia i parcheggi cittadini sono praticamente tutti a pagamento; c’è una continua “caccia all’infrazione” con squadre di Vigili che vagano per la città, cercando i più svariati pretesti per elevare sanzioni (vedi il caso “Giraffa a Rotelle” di pochi giorni fa: sanzioni a scooter parcheggiati fuori dalle righe, in zona Parco Urbano, durante un evento di beneficienza).

Il Sindaco Scajola, che oggi chiede ai commercianti di non aumentare i prezzi, è lo stesso che un mese fa diceva che se l’aumento dell’imposta sulle insegne era troppo alta, bastava rimuovere le insegne!!

E’ lo stesso Sindaco che si vanta di aver concesso gratuitamente l’aumento del suolo pubblico alle imprese, quando invece l’ampliamento è di fatto finanziato grazie a un contributo della Regione Liguria!

Caro Sindaco, i commercianti di Imperia non alzeranno i prezzi… e non perché lo dice Lei, ma perché hanno bisogno di lavorare, di incassare. Per troppo tempo hanno solo “sborsato” di tasca loro e oggi non possono rischiare di non incassare, anche per alcuni articoli il periodo pandemico ha portato a un aumento alla fonte anche del 300%.

Siamo sicuri che il buon senso di ogni commerciante e ogni operatore del settore turistico-ricettivo guiderà il tessuto economico cittadino fuori dalle sabbie mobili, non di certo la gestione politica cittadina.

Prima di pontificare su altri, sarebbe più opportuno chiedersi se l’Amministrazione Comunale di Imperia abbia fatto abbastanza per le attività economiche cittadine”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!