IMPERIA. PRIMO GIORNO DI SALDI ESTIVI, CAMONITA: “SECONDO LE NOSTRE STIME CI SARA’ UNA SPESA MEDIA PRO-CAPITE DI 90 EURO”

Attualità Home

assoutenti

Imperia  – Iniziano oggi i saldi estivi e termineranno il 18 agosto. Riparte la caccia allo “sconto” per acquistare questo o quel prodotto tanto desiderato in un periodo ancora di crisi come questo in cui si risparmia su tutto, anche sulla spesa “alimentare”. I saldi estivi 2014,- afferma Camonita, Presidente provinciale di Assoutenti-, dovrebbero avere risultati leggermente migliori delle annate passate , si  stima  una spesa media pro-capite di 90 euro. Peseranno, ma non più di tanto, continua Camonita, gli 80 euro dati dal Governo Renzi, secondo gli esperti del settore ci vorrebbero misure meno oppressive soprattutto sul “cuneo fiscale” per permettere maggiore libertà di spesa alle famiglie italiane.

I saldi dureranno 45 giorni e dovrà  essere esposto un cartello ben visibile dall’esterno che annunci l’effettuazione dei saldi e ricordiamo, conclude Camonita, alcuni consigli. Si richiama l’attenzione, in particolare, sull’articolo 113 della legge regionale n.1/2007 e s.m.i che con riferimento alle vendite promozionali, stabilisce quanto segue: “Non possono essere effettuate vendite promozionali nei quaranta giorni antecedenti le vendite di fine stagione o saldi per la medesima merceologia di prodotti stagionali o di moda tradizionalmente oggetto delle vendite di fine stagione. Per medesima merceologia di prodotti s’intendono:

 

– abbigliamento

– calzature

– biancheria intima

– accessori di abbigliamento

– pelletterie

Infine, anche in periodo di saldi le transazioni che avvengono nei negozi sono identiche a quelle di tutti gli altri periodi, per cui valgono le stesse regole generali del commercio. Nel periodo dei saldi, come in qualunque altro periodo, per gli acquisti fatti in “negozio” non si può esercitare il diritto di recesso o ripensamento, ma, in caso di un difetto di conformità dell’acquisto, si può pretendere la riparazione (se riporta come nuovo l’oggetto), cambio o restituzione di quanto pagato.

C.S.