Imperia: concluso il corso di aggiornamento di Confedilizia e Università. Amministratori di condominio formati sul bonus 110% / Foto e Video

Attualità Imperia

Si è concluso al Polo universitario di Imperia il corso di aggiornamento e formazione professionale per amministratori di condominio. Il corso è stato organizzato da Ape Confedilizia della provincia di Imperia in collaborazione con il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Genova.

Si guarda già al prossimo corso, con ulteriori aggiornamenti

Sottolinea la professoressa Alessandra Pinori, docente della facoltà di Giurisprudenza: “Concludiamo questo corso di 16 ore, organizzato dall’Università di Genova, Dipartimento di Giurisprudenza e da Confedilizia. Abbiamo affrontato, fra i vari temi, anche quello del 110 percento, con una casistica applicativa, che tiene conto della continua evoluzione di questa materia. Contiamo di presentare un nuovo corso, con i corretti aggiustamenti, che derivano da questa prima esperienza”. 

Il superbonus 110 % argomento di maggior interesse per gli amministratori di condominio. Consegnati 36 attestati

Paolo Prato, presidente provinciale di Confedilizia Imperia dice: “E’ andata molto bene. Sono stati consegnati 36 attestati ad altrettanti amministratori di condominio che hanno assolto agli obblighi di legge per quanto riguarda la formazione professionale continua. Diversi i temi affrontati in questo che è il terzo corso che Confedilizia realizza in provincia di Imperia. L’esperienza con l’Università è stata senza dubbio la più proficua e soddisfacente, sia per noi, che per gli amministratori, come hanno loro stessi evidenziato al momento della consegna degli attestati. Speriamo di poter continuare questa collaborazione con l’Università, anche facendo un corso iniziale per amministratori, oltre a continuare i corsi di formazione professionale. E’ andata molto bene e siamo grati all’Università e a tutti i relatori intervenuti. E ringraziamo la Greenrevolution Srl per il contributo teorico/pratico al corso di formazione”.