Pontedassio, per combattere la Cimice asiatica arriva la “Vespa Samurai”. Piana: “Regione in prima linea per salvare orti e frutteti”/Video e Foto

Attualità

La speranza è di porre la cimice sotto controllo nell’arco di due anni

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Nella mattinata di oggi in un frutteto di Pontedassio sono state liberate le prime “Vespe Samurai”, destinate a contrastare in modo naturale la Cimice asiatica, che sta provocando danni importanti in particolare a orti e frutteti. L’iniziativa è dell’assessorato regionale all’Agricoltura, che ha agito in collaborazione con il Crea, il Centro di ricerche in agricoltura.

A tenere a battesimo l’iniziativa erano presenti il vicepresidente e assessore regionale all’Agricoltura Alessandro Piana, il dirigente regionale Gianni Anselmo e gli ispettori fitosanitari.

Piana: “Sfruttiamo la natura per ristabilire un equilibrio”

Spiega Piana: “Cerchiamo di sfruttare la natura, che a volte ci da’ problemi con malattie e insetti, impiegando un antagonista naturale per ristabilire un equilibrio,  I vettori della Cimice asiatica sono tantissimi ed è impossibile fare controlli in entrata per fermarla. Per questo, come Regione Liguria siamo stati fra i primi a pensare a un metodo naturale e ci siamo riusciti, grazie al nostro dirigente Gianni Anselmo e agli ispettori del Servizio fitosanitario, ottenendo le autorizzazioni necessarie dal ministero. In questo modo chi ha un orto o un frutteto potrà continuare a mantenerlo, senza dove ricorrere a prodotti fitosanitari”.

La speranza è di porre la cimice sotto controllo nell’arco di due anni

Sottolinea Gianni Sciandini del Servizio fitosanitario regionale: “Il progetto funziona con il rilascio dell’insetto antagonista, detto Vespa Samurai, anche se si tratta di un insetto di dimensioni inferiori ai due millimetri, in misura di 100 femmine e 10 maschi. Queste vespe cercano le uova della Cimice asiatica per deporvi le loro uova, distruggendo in questo modo le larve della cimice. Questa vespa si moltiplica molto e anche se risultati non saranno immediati, come accade in tutti i tipi di lotta biologica, ci sarà un equilibrio nel tempo. Noi auspichiamo che nell’arco di due anni si riesca a porre sotto controllo la diffusione della cimice. Sulla base dell’esperienza di altre regioni, come Veneto, Trentino e Lombardia, abbiamo pensato di giocare d’anticipo, puntando subito sulle colture ortofrutticole. In altre regioni infatti sono state queste le colture più colpite”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!