Diano Marina: Palacongressi, Chiappori contro la Soprintendenza. “Sono pazzi, vinceremo la causa”. Poi tira le orecchie ai consiglieri di Imperia sulla ciclabile

Golfo Dianese Politica

Nel corso della presentazione della candidatura a Sindaco di Za Garibaldi, il Sindaco uscente Chiappori, come nel suo stile, non ha risparmiato qualche frecciata al veleno.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Nel corso della conferenza stampa di presentazione della candidatura a Sindaco, per le prossime elezioni comunali a Diano Marina, di Cristiano Za Garibaldi, ha preso la parola anche il Sindaco della città degli aranci Giacomo Chiappori che, come nel suo stile, non ha risparmiato qualche frecciata al veleno.

Diano Marina: Palacongressi e pista ciclabile, Chiappori contro tutti

Il primo cittadino è tornato a parlare del progetto del Palacongressi sul molo delle Tartarughe, approvato dalla Conferenza dei Servizi, ma bocciato dalla Soprintendenza. Il Comune di Diano Marina ha presentato ricorso al Tar ed è in attesa del verdetto che, secondo Chiappori, che sogna un turismo congressuale per rilanciare Diano anche nei mesi invernali, sarà una vittoria. In particolare il Sindaco uscente si è rivolto al Presidente della Regione Giovanni Toti chiedendogli di “ritrovare il milione e 900 mila eurocon cui la Regione aveva deciso di finanziare l’opera.

“Caro amico Giovanni, noi abbiamo da fare il Palazzetto. Il milione e 9 c’era, non c’è più, ma vinceremo la causa con quei pazzi della Soprintendenza. Il Palazzetto, che è stato presentato in Norvegia, Svezia, Danimarca e Olanda, ci dava un volano, novembre, dicembre, gennaio, febbraio, che era una cosa meravigliosa, ce lo hanno fermato perché qualcuno dice ‘mi sembra impattante’. In questo Paese strano ci può essere una persona che ti può rompere le palle, e ce le ha rotte, ma noi vinciamo. Dunque ti consiglio di ritrovare il milione e 9″.

Chiappori ha risposto anche alle critiche della maggioranza, a Imperia, segnatamente del consigliere Giovanni Montanaro, sulla vicenda delle varianti della pista ciclabile bocciate dalla Regione nell’ambito della Conferenza dei Servizi, in quanto, per quel che riguarda l’Incompiutapotrebbero compromettere la positiva valutazione del ministero delle Infrastrutture dell’intera ciclovia e la concessione del contributo per la realizzazione dei lavori nei vicini Comuni di Diano Marina, San Bartolomeo al Mare, Cervo e Andora”.

Chiappori, al nostro giornale, aveva minacciato di chiedere i danni al Comune di Imperia nel caso in cui Diano avesse perso i finanziamenti. Montanaro aveva definito l’intervento del Sindaco di Diano “un’ingerenza sgarbata nei modi e nella sostanza”.

“Ricordo a quelli di Imperia – ha replicato Chiappori – che la mia campagna elettorale aveva una slogan, ovvero vogliamo tornare a essere quelli di Diano e non quelli di Imperia. Mai ho pensato di mettermi all’interno delle teorie di Imperia, in queste cose sono un signore. Qualcuno che ha parlato si è sbagliato, oltretutto mi conosce. Se un errore di Imperia influisce anche a Diano Marina, mi incazzo, e pagano i danni. Mi pare che sia una cosa normale”.

 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!