Dolceacqua: all’ombra del castello nasce “Lucrezia”, il passito di Cantine Maixei. “Una novità, che si lega alla tradizione” /Foto e Video

Cultura e manifestazioni Entroterra

L’evoluzione di Florcoop, dai fiori all’olio e al vino, per scommettere sul territorio

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Il Castello dei Doria di Dolceacqua ha ospitato la presentazione di “Lucrezia”, il passito di Cantine Maixei. Una novità nel già ricco e prestigioso panorama vinicolo della cantina di Florcoop, che si lega a filo doppio alla tradizione.

Sottolinea il sindaco di Dolceacqua Fulvio Gazzola: “Questa tipologia di vino rappresenta una novità e una piacevolissima sorpresa per il nostro territorio. E’ un vino molto buono. A livello turistico e promozionale, tutto questo aiuta moltissimo il territorio. Il turismo si è evoluto anche grazie al prodotto tipico e il Rossese, il vermentino e il Pigato aiutano a far crescere questo territorio. Lucrezia è il nome della ragazza legata alla leggenda dello jus primae noctis e alla michetta che è il nostro dolce tipico e sono stati fantastici a dare questo nome a un vino forte e irriducibile proprio come la giovane che non si concesse al signorotto del paese”.

L’evoluzione di Florcoop, dai fiori all’olio e al vino, per scommettere sul territorio

Spiega il presidente di Florcoop Gianfranco Croese: Florcoop nasce storicamente come cooperativa dei fiori, che è l’attività principale, ma negli anni, a seguito della fusione con cooperative dell’agroalimentare, sta sviluppando quest’area. Con la fusione con Riviera dei Fiori e Frantoio Sociele Dol.Va.Pre, ha creato queste due nuove attività legate all’olio e al vino. Oggi presentiamo “Lucrezia”, che deve essere considerata un’ulteriore eccellenza, da proporre a chi viene a visitare il nostro territorio. Speriamo di far sì che, attraverso la coltivazione di terreni del luogo, si possa portare qualche giovane a svolgere questo lavoro. Florcoop ha circa cento dipendenti e sul settore agroalimentare stiamo facendo un grande lavoro e cerchiamo anche terre da coltivare, puntando a migliorare le nostre produzioni e puntando sui giovani“.

L’enologo Fabio Corradi sottolinea: Lucrezia è un vino ottenuto da uve passite e non ha una denominazione. Le uve sono Vermentino, Pigato e un goccio di Moscatello di Taggia. Volevamo fare un vino molto bevibile, da abbinare con la michetta di Dolcecaqua, con i formaggi e con il foi gras, che fosse appunto fresco e bevibile. Abbiamo cercato questa soluzione e speriamo di averla trovata. Lucrezia nasce dalla volontà di legarci ancora di più a Dolceacqua, con la leggenda di questa ragazza che non volle cedere alla regola dello jus primae noctis e per questo si lasciò morire. L’etichetta è di Francesco Musante, che è un pittore genovese importante“. 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!