Imperia: lo storico Bar Pasticceria Piccardo venduto a un imprenditore del Ponente ligure. La nuova gestione subentrerà dalla prossima settimana/Il caso

Attualità Imperia

La notizia era nell’aria già da qualche tempo

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Lo storico Bar Pasticceria Piccardo di piazza Dante a Oneglia manterrà il suo nome, ma dalla prossima settimana passerà di mano. La vendita è già stata formalizzata e il subentro dovrebbe avvenire mercoledì prossimo, anche se Carla Piccardo, insieme al figlio Marco, ultima discendente del fondatore Giacomo, non conferma e non sementisce, limitandosi a dire: “Quando sarà ne parleremo”. 

La notizia era nell’aria già da qualche tempo

La notizia, che era nell’aria già da qualche tempo, trova però conferme ufficiose nell’ambiente commerciale ed economico imperiese, da quale risulta anche che ad aggiudicarsi il locale di piazza Dante sarebbe stato un imprenditore del Ponente ligure. Che avrebbe anche preso l’impegno di mantenere l’attuale personale in servizio per almeno altri due anni.

Il 22 luglio scorso era mancata a 75 anni Maria Teresa Piccardo, sorella di Carla e la sua scomparsa ha certamente influito sulla decisione di passare la mano.

Giacomo Piccardo aprì il bar all’angolo fra piazza Dante e via Bonfante nel 1905, chiamandolo prima Ideal Bar e poi Splendid Bar, affiancato dalla Premiata Pasticceria Genovese, gestita dalla sorella di Giacomo, Teresa. Negli anni Venti i due locali vennero accorpati diventando il Caffè Pasticceria Piccardo. Un punto di riferimento entrato nella storia di Imperia e non solo.  Tanti personaggi illustri lo hanno frequentato negli anni: Fausto Coppi in testa alla Milano-Sanremo con oltre dieci minuti di vantaggio, fece storia fermandosi a prendere un caffè, prima di ripartire per andare a vincere la corsa. Fra i clienti vi furono anche Sandro Pertini, Italo Calvino, Armando Testa, Luciano Berio e il pittore Georg Baselitz.

Nel 1987, al Caffè Pasticceria Piccardo, si affiancò Piccardilly, il primo self-service di Imperia. Poi nel 2003 il trasferimento di pochi metri, con un grandissimo lavoro per mantenere vive le tracce della blasonata storia del locale. Ora la cessione a una nuova proprietà, con la speranza che questa sappia mantenere e valorizzare quello che ormai per Imperia è divenuto un vero e proprio bene storico cittadino.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!