IMPERIA. CASO AGNESI, MARCO SCAJOLA “LO STABILIMENTO DEVE ESSERE SALVATO, DOVE E’ FINITA LA REGIONE?”

Home Politica

Marco Scajola quadrata

IMPERIA – “Oramai da diversi mesi i lavoratori dell’Agnesi stanno portando avanti una battaglia seria per difendere un marchio storico, il loro lavoro e l’immagine di una città già in gravi difficoltà economiche. La proprietà sta tenendo un comportamento poco chiaro e non comprensibile sulle sue reali intenzioni, lasciando tutti nella forte e reale preoccupazione di vedere perdere uno stabilimento produttivo strategico per Imperia. A questa incertezza e preoccupazione deve corrispondere un’azione sinergica e forte delle Istituzioni a partire dalla Regione Liguria che deve lasciare soli i lavoratori e le tante famiglie interessate”. Così interviene il consigliere regionale di Forza Italia Marco Scajola in merito alla sempre più critica situazione del Pastificio Agnesi e dei lavoratori.

Continua l’esponente di Forza Italia: “purtroppo al di là delle presenze e dichiarazioni pubbliche di circostanza non c’è stato da parte degli amministratori regionali di centrosinistra un’azione concreta e tangibile per tutelare lo stabilimento. Nessuna proposta, nessuna idea, nessun progetto nulla è stato sino ad oggi fatto.  Ancora recentemente Burlando è venuto ad Imperia ma abbiamo sentito solo slogan politici e nessun atto concreto e propositivo è venuto alla luce”.

Il 28 maggio in Regione vi è stato un’incontro con i lavoratori dell’Agnesi ai quali sono state fatte chiare promesse per un impegno a loro tutela, ma da quel giorno purtroppo non è stato messo in atto alcun provvedimento e gli impegni non sono stati mantenuti. L’Agnesi può e deve esse salvata, basta chiacchiere e promesse elettorali, serve immediatamente un tavolo organizzato dalla Regione Liguria, coinvolgendo le realtà interessate, che in un limite di tempo, relativamente breve, metta in campo proposte e strategie condivise per arrivare ad una soluzione positiva della questione. Se entro luglio non ci saranno novità annuncio fin d’ora che chiederò una seduta straordinaria del Consiglio Regionale dedicata alla vicenda Agnesi”, conclude Marco Scajola.