Imperia: depuratore, necessari interventi urgenti per 700 mila euro. Approvata convenzione in Consiglio. “Costi distribuiti tra i Comuni, risolveremo anche problematica odori”

Imperia Politica

Il Comune di Imperia, il Comune capofila, dovrà affrontare una spesa di 538 mila euro.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Circa 700 mila euro per la manutenzione straordinaria del depuratore. Questa la somma necessaria per effettuare lavori ritenuti estremamente urgenti dai tecnici.

A finanziarli saranno i Comuni che usufruiscono dell’impianto di depurazione delle acque reflue, in base alle relativi percentuali di utilizzo, ovvero Imperia, Diano Marina, Diano Castello e Pontedassio.

Per far ciò, tutti i Comuni dovranno aderire a una convenzione specifica, approvata ieri sera dal Consiglio Comunale di Imperia, il Comune capofila, che dovrà affrontare una spesa di 538 mila euro.

Imperia: depuratore, necessari interventi urgenti per 700 mila euro, parla assessore Laura Gandolfo

Il depuratore di Imperia ha evidenti necessità di manutenzione, sia ordinaria che straordinaria. Dobbiamo assolutamente  risolvere il problema delle emissioni odorigene che danno fastidio alla città e ai cittadini, giustamente.

Ci sono due tipi di interventi, le manutenzioni ordinarie, che si stanno svolgendo in questo momento e di cui si occupa Rivieracqua, e le bche sono a carico per gran parte dei Comuni che usufruiscono del depuratore: Imperia, Pontedassio, Diano Marina e Diano Castello. Questa sera abbiamo approvato una convenzione che ogni Comune sottoscriverà attraverso la quale i Comuni si impegnano a finanziare lavori per un importo complessivo superiore a 700 mila euro di manutenzione straordinaria che vengono ritenuti dai tecnici assolutamente necessari anche per ovviare al problema delle emissioni degli odori.

 I tempi? A breve ogni Comune dovrà deliberare attraverso il proprio consiglio comunale l’approvazione a questa convenzione, il Comune di Imperia lo ha fatto questa sera. Non appena tutti i comuni avranno deliberato, questa convenzione verrà firmata e Imperia, quale Comune capofila, anche per una questione di percentuale (77%) di abitanti equivalenti, potrà iniziare ad avviare i lavori, partendo dalle ordinazioni dei pezzi. Dopodichè a lotti il Comune di Imperia si occuperà di far partire i lotti anche secondo una logica consequenziale”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!