Rugby, Serie C: la Union Riviera Imperia si impone per 34-5 sulle Province dell’Ovest. Vittoria anche per la Under 17/Tutti i risultati

Sport

Una bella domenica prenatalizia come se ne vedono in Riviera.

Nebbia in val Padana, ma non al Pino Valle di Imperia, per lungo tempo inondato di sole, di iodio marittimo e…di mete…
Va detto. Ai massimi livelli la Union Rugby Riviera si sta confermando in questo finale di 2021.

Lo fa con la under 17 largamente vittoriosa nientemeno che sul CUS Genova e la seniores fa del suo meglio con una valida prestazione sulle Province dell’Ovest di Paolo Ricchebono, messe al tappeto senza troppe discussioni. I ponentini genovesi sono sul campo imperiese per la seconda volta. Nel primo caso vendettero cara la pelle, soccombendo con un margine minimo. In questo caso le distanze si sono dilatate a favore dei padroni di casa. “Orsi” ospiti in campo a numeri un po’ ridotti, mentre la Union può schierare anche una buona panchina, pur mancando il capitano Paolo Novaro.

Ne fa le veci, in modo ottimo, Carlo Franzi. Pronti via ed è subito meta Union, grazie ad Archimede innescato da Castaldo, per lungo tempo padrone del suo classico ruolo di mediano di mischia. Lo stesso Castaldo trasforma. Le Province sono peraltro temute, perché hanno un buon gioco fluido con i tre quarti ed abilità nei passaggi.

La Union tende pure a giocare in modo aperto, dando vita ad una partita spettacolare soprattutto nel primo tempo, tenendo comunque il pallino del gioco nella metà campo avversaria. Dopo un calcio di punizione fallito da Castaldo, è ancora la sua lampadina ad accendere una penetrazione di Chiappori. La difesa cerca di poi di contenere la successiva percussione di Borzone. S

e i giocatori sono lanciati, non ce n’è, con tanto di trasformazione. La reazione delle Province è comunque produttiva: la ficcante azione sull’ala destra non è contenuta a dovere dalla difesa locale, non si attaccano bene gli uomini e la palla. Il risultato è una meta subita e non trasformata. La Union riprende il bandolo del gioco, avendo una mischia finalmente dominante.

Franzi commenta: “ci siamo allenati bene, con la presenza di tutto il pacchetto di mischia è possibile organizzare il raggruppamento ordinato, che è fatto di equilibri e di posture corrette”.

Un’ulteriore punizione calciata tra i pali da Castaldo porta la Union sul 17 a 5, ma è ancora meglio poco dopo. Andrea Ardoino calcia una punizione in penaltouch sui 5 metri. Chapeau. Lancio di Chiappori per il ricevitore Ardoino, il quale sceso a terra nota il buco tra i blocchi avversari e passa. Meta e trasformazione, fatta in casa. Le Province tentano una riscossa, che viene però rintuzzata da buoni placcaggi di Ferrari e del solito anestesista Damiano. Il primo tempo finisce, il tecnico Giorgio Pallini, fa presente la necessità di un gioco ancora più logorante per gli avversari.

Il piano va rispettato nel secondo tempo. Iniziano i cambi. Maggioli entra per Samuel Ferrari, con Alessandro Ardoino che sale in seconda linea. Intanto Castaldo mette a segno un’altra punizione. Entrano poi Marasco per Nunziata e Abbo per un illuminato Franzi. La mischia perde fisicità nel gioco statico, ma si tenta di essere ancora più dinamici. La pressione delle Province mette a dura prova l’ottimo Castaldo, che deve uscire per crampi. Ferraro va in campo all’ala e Borzone scala in mediana. La partita si trascina con alcune schermaglie per un po’ di tempo.

Poi entrano in scena i senatori. Pozzati fa vedere molte belle cose in posizione di primo centro. Vallarino è collocato a estremo e come un dingo si avventura tra le linee avversarie. In un caso, il D’Artagnan locale è bloccato ad un metro dalla linea di meta e la successiva azione è tenuta alta dalla buona difesa genovese. Entra infine Martini per un esausto quanto battagliero Bellifiori così come Bravo per un sempre positivo Battistotti. Il suggello alla partita è offerto da una buona tenuta in mischia per un’iniziativa di Pozzati che lancia il possente Chiappori ad una meta di qualità, trasformata a tempo scaduto da Marasco.

Union Rugby Riviera in campo con: Bellifiori, Franzi, Aicardi; Ferrari,Battistotti; Damiano, Chiappori, Alessandro Ardoino; Castaldo, Andrea Ardoino, Nunziata, Archimede, Pozzati, Borzone, Vallarino. A disposizione ed entrati: Abbo, Martini, Maggioli, Marasco, Ferraro, Bravo.

SERIE C FASE QUALIFICAZIONE – III/IV/V POSTO (II giornata)

Union Riviera – Province dell’Ovest 34/5

CLASSIFICA GENERALE: R.C. Spezia e Union Riviera punti 5, Province

dell’Ovest punti 0.

La vittoria nella vittoria: Union Rugby Riviera under 17 si impone sui pari età del CUS Genova

Per la under 17 della Union Rugby Riviera splende il sole. La vittoria non è tanto quella di giornata sul CUS Genova, ma il fatto di aver formato un gruppo nutrito e affiatato. Si era partiti con numeri risicati. Però il lavoro svolto tra recuperi e coinvolgimento attraverso l’attività scolastica e il passaparola giovanile è stato importante e ora si è già a 20 tesserati. I giovani ci sono, per giocare a rugby. Vanno motivati, vanno sostenuti, anche in un piccolo ambiente come quello della provincia di Imperia. Ora si può passare alla partita di domenica, in cui il Cus Genova si è presentato a pieni effettivi, anche se le rune genovesi raccontano di un bel ricambio in squadra, di panchina lunga e di opportunità per molti di mettersi in luce. Un confronto dunque tra “meno esperti”, ma se si mette in conto il “Laboratorio Union” si parte comunque senza avvantaggiati, se non per il blasone degli ospiti. I quali iniziano a spron battuto, segnano due volte. Il buon vantaggio può però pesare. Perché la partita è lunga e in casa Union si sa bene, dato che una veemente reazione ha prodotto tre mete, un vantaggio che poi si è allargato nel secondo tempo con il CUS che ha perso smalto e tenuta, mentre è venuto fuori tutto il duro lavoro dei tecnici corsari, Mori, Perrone e Pozzati, che qui si citano in rigoroso ordine alfabetico, anche se ognuno di loro sta motivando e seguendo i ragazzi in modo specifico e peculiare. Infatti domenica erano in campo sette elementi su 19 che vengono da altri sport, molto diversi tra loro: calcio, pallamano, judo e persino pugilato, dove comunque c’è amore per il contatto fisico. I pugni nel rugby meglio lasciarli a casa, si sa. Interessante come sempre la prova dei veterani societari, da Bissaldi a Nonnis a Gerbore a Goggi a Devia, con un Orlandi che sta raffinando il suo ruolo di apertura di valore e un Doria Miglietta dichiarato unanime migliore in campo. Alla prossima, dunque, vedendo come crescerà la squadra nel tempo.

Union Rugby Riviera Under 17 in campo con: Wolff, Bissaldi, Ben Belgacem; Magnaghi, Scarrone; Gazzano, Antogna, Doria Miglietta; Goggi, Orlandi, Gerbore, Nonnis, Devia, Iapichino, Cutrì. A disposizione ed entrati: Serrano, Forte, Merafina, Alberti. Giocatori di prima linea in numero di sei. Capitano Nonnis.

UNDER 17 FASE DI QUALIFICAZIONE (recuperi)

UR Riviera – CUS Genova 43/26

Pro Recco – RC Spezia RINVIATA AL 9/1

CLASSIFICA GENERALE: Province dell’Ovest punti 26, Amatori Genova 25, Savona 20, CUS Genova 12, Union Riviera 10, Pro Recco (*) 7, Spezia (*) – 4.

C.S.