Imperia: il Comune acquista carte prepagate per spese in supermercati e farmacie. Saranno destinate a persone bisognose.

Attualità Imperia

La dirigente del Settore Servizi Sociali, Prima infanzia, Attività educative e scolastiche del Comune di Imperia, Sonia Grassi, ha firmato una determina con la quale si dispone l’acquisto di carte prepagate da utilizzarsi presso supermercati cittadini e farmacie, in favore di persone bisognose.

In base a quanto previsto dal “Regolamento per l’organizzazione, il funzionamento e l’accesso al sistema integrato di promozione e protezione sociale del Comune di Imperia” e dalla “Carta dei Servizi Sociali e dei Servizi Educativi“, relativamente ai servizi di sostegno alla persona ed al nucleo familiare, che prevedono, nell’ambito dei sussidi di integrazione al reddito definiti quali interventi di assistenza in forma continuativa e/o “una tantum” erogati attraverso diverse modalità, i “buoni spesa” e “buoni farmaci”, è stata effettuata un’indagine preventiva e territoriale tra alcuni locali supermercati e farmacie che si sono resi disponibili alla fornitura.

La determina prevede gli acquisti di carte così suddivisi:

• n. 165 carte CONAD da €. 30,00 cad. – Supermercati VILLAREGIA s.r.l. – Sede Legale via Vignasse, 35 – San Lorenzo al Mare (IM), per un valore complessivo pari ad € 4.950,00;
• n. 200 carte PAM/EUROSPIN da € 25,00 cad. – ARIMONDO s.r.l. a socio unico – Sede Legale via Aurelia, 136 – San Bartolomeo al Mare (IM), per un valore complessivo pari ad € 5.000,00;
• n. 200 carte EKOM da € 25,00 cad. – NUME s.r.l. – Sede Legale Lungo Torrente Secca, 3a – Genova, per un valore complessivo pari ad € 5.000,00;

– affidare la fornitura di ulteriori carte prepagate dal valore unitario personalizzato fino all’importo massimo di € 3.000,00 a FARMACIE GENTILE E BORGO SAN MORO s.n.c. – Sede Legale via Cascione.

La spesa complessiva per questa operazione è di 17.950,00 euro.

Le carte prepagate serviranno per l’acquisto di generi alimentari di prima necessità, di farmaci e/o generi vari per la pulizia, al fine di contrastare la povertà delle persone e nuclei familiari individuati dagli Operatori Sociali del Servizio Coordinamento tecnico dell’Ambito territoriale Sociale n. 11.