Imperia: Museo Navale, progetto di potenziamento approvato da Conferenza dei Servizi. Prescrizioni di Soprintendenza e Capitaneria di Porto

Attualità Imperia

È stato approvato dalla Conferenza dei Serivizi il progetto definitivo di potenziamento e miglioramento del Museo Navale di Imperia.

In particolare, il progetto, dal costo complessivo di 158 mila euro, è relativo alla riqualificazione delle parti esterne del Museo Navale, ovvero la demolizione di un deposito demaniale, il completamento della pavimentazione di Calata Anselmi e lungo il complesso museale, la riqualificazione della facciata e del cornicione del Museo che affaccia su via Scarincio, la realizzazione del nuovo ingresso, il completamento del nuovo ingresso, l’allaccio elettrico.

Il Settore Lavori Pubblici di Imperia ha acquisito i pareri di assenso degli enti coinvolti (Regione Liguria, Soprintendenza delle Belle Arti e Paesaggio, Capitaneria di Porto di Imperia, Agenzia del Demanio, Agenzia delle accise Dogane e monopoli, Settore Porti e Demanio del Comune di Imperia, Commissione locale per il Paesaggio del Comune di Imperia), sottolineando che alcuni contengono “condizioni e prescrizioni che possono essere accolte senza necessità di apportare modifiche sostanziali alla decisione oggetto della Conferenza”.

Imperia: Museo Navale, progetto di potenziamento approvato da Conferenza dei Servizi

Nel dettaglio, la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio ha mosso una prescrizione riguardante il completamento della facciata lato dogane e via Scarincio, specificando che “il serramento da inserire in corrispondenza del nuovo accesso dall’esterno, che prevede la trasformazione di una finestra in portafinestra, dovrà avere le stesse caratteristiche tipologiche, materiche e di finitura di quelli già realizzati nell’analogo intervento eseguito sul prospetto di Calata Anselmi. L’inferriata esistente dovrà essere conservata in opera fino alla cornice superiore della portafinestra.

I lavori dovranno essere effettuati da impresa di provata esperienza qualificata”.

Anche la Capitaneria di Porto ha espresso parere favorevole, specificando, però, una prescrizione sul manufatto da demolire. “Tenuto conto che nel caso di specie sarebbero in previsione opere di demolizione, appare necessario, sin da subito, evidenziare che queste ultime sarebbero subordinate ad una complessiva posizione giuridico amministrativa degli immobili siti nei mappali sopra citati, ad oggi, non attuale”.

L’Agenzia delle Dogane ha espresso parere favorevole alla demolizione dell’immobile “condizionato all’ottenimento del nuovo locale da destinarsi anch’esso a deposito (di 29,60 mq) posto all’interno del vicino Museo Navale”.