Imperia: dopo una lite sequestra e aggredisce la vicina di casa, 38enne condannato a 2 anni e 2 mesi di carcere / La sentenza

Giudiziaria Imperia

Due anni e due mesi di carcere. Questa la pena stabilita dal giudice monocratico Francesca Minieri per un 38enne (difeso dall’avvocato Mario Iavicoli del foro di Genova), E.S., muratore di nazionalità albanese, accusato di lesioni e sequestro di persona. Vittima una donna di 43 anni, vicina di casa dell’imputato, rappresentata dall’avvocato Alberto Pezzini del foro di Imperia.

Imperia: 38enne condannato a 4 anni di carcere in Tribunale

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il 38enne, dopo una lite sul pianerottolo di casa, avrebbe sequestrato la 43enne chiudendola a chiave nel proprio appartamento, immobilizzandola e procurandole lesioni giudicate poi guaribili in 10 giorni. Una condotta violenta, aggravata dalla presenza dei figli minori, terminata solo dopo l’intervento delle forze dell’ordine (che nell’occasione procedettero all’arresto).

Il Pubblico Ministero Tiziana Berlinguer, al termine della propria requisitoria, aveva chiesto una condanna a 4 anni di carcere.

Questa mattina, in Tribunale a Imperia, il giudice Francesca Minieri ha accolto solo in parte la richiesta dell‘accusa, condannando il 38enne a 2 anni e 2 mesi di carcere con la formula del rito abbreviato e 8 mila di provvisionale alla parte civile.