Imperia: “Facce di m…”, “Servono solo a far multe”. Insultarono vigili su Facebook, assolti in Tribunale

Giudiziaria Imperia

Assolto dall’accusa di diffamazione aggravata a mezzo stampa per condotta riparatoria. Questa la sentenza pronunciata oggi in Tribunale a Imperia dal giudice monocratico Eleonora Billeri (PM Andrea Pomes) nell’ambito del processo che vedeva sul banco degli imputati un 50enne di Camporosso (difeso dall’avvocato Maria Gioffrè).

Assolto anche un altro imputato (difeso dall’avvocato Sara Manuello) per impossibilità di attribuire con certezza la titolarità del profilo Facebook alla persona. Inizialmente gli imputati erano cinque, tre dei quali hanno scelto riti alternativi (uno di questi ha ottenuto il beneficio di messa alla prova e gli altri due sono stati condannati).

Imperia: insultarono vigili su Facebook, due assolti in Tribunale

I fatti risalgono alla fine del 2017 e l’inizio del 2018. Secondo l’accusa, gli imputati avrebbero pubblicato, al di sotto di un post pubblico su Facebook, dei commenti che esprimevano parole offensive nei confronti del Comando della Polizia Municipale di Ventimiglia. In particolare, l’autrice del post lamentava un presunto mancato intervento dei vigili a seguito di una chiamata e gli imputati avrebbero commentato scrivendo: “Sono delle facce di m***a”, “servono solo a fare multe”, “fanno schifo”.

Da lì è scattata la denuncia per diffamazione aggravata a mezzo stampa. Il 50enne, grazie al tramite dell’avvocato Gioffrè, ha ricevuto l’accettazione della proposta di un’offerta di 500 euro a favore della Caritas di Ventimiglia e una lettera di scuse, ottenendo quindi l’assoluzione per condotta riparatoria.