Imperia: violenza sessuale su una paziente, il massaggiatore ed ex candidato Sindaco di Sanremo Condò condannato a 3 anni di carcere

Giudiziaria Imperia

Condanna a tre anni di carcere. Questa la sentenza pronunciata oggi in Tribunale a Imperia dal collegio di giudici Carlo Indellicati (presidente), Eleonora Billeri e Marta Maria Bossi (PM Cinnella Della Porta), nell’ambito del processo che vedeva sul banco degli imputati Alessandro Condò (difeso dall’avvocato Alberto Pezzini del foro di Imperia), 46 anni, massaggiatore, politico, ex candidato Sindaco a Sanremo, con l’accusa di violenza sessuale.

Parte offesa una paziente, costituitasi parte civile e difesa dall’avvocato Gianluca De Marco del Foro di Imperia. 

Oltre alla reclusione a tre anni, Condò è stato condannato all’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, alla sospensione dall’esercizio della professione per la durata della pena e al pagamento del risarcimento danni alla parte offesa da definire in sede civile, con una provvisionale di 5 mila euro.

Imperia: violenza sessuale, a processo l’ex candidato Sindaco a Sanremo

I fatti risalgono al 19 marzo del 2019, nello studio professionale di Condò, nella città dei fiori, in piena campagna elettorale. 

Secondo l’accusa Condò aveva palpeggiato la propria paziente durante un trattamento. Una versione che il professionista, ha sempre respinto con forza, replicando di essere stato lui stesso vittima di violenza da parte della parte offesa.

Nella scorsa udienza, dopo una lunga requisitoria, il PM Cinnella Della Porta aveva chiesto la condanna a 3 anni e 6 mesi di reclusione con interdizione dai pubblici uffici per 5 anni.