IMPERIA – ZTL A BORGO MARINA, CASANO (FDI):”IL COMUNE DIA L’AUTORIZZAZIONE AL TRANSITO AGLI OPERATORI PORTUALI”

Home Politica

Casano quadrata

IMPERIA – “Come utente del Porto di Imperia mi capita spesso di parlare con gli operatori del porto stesso e in questi giorni sono venuto a conoscenza di un fatto che ritengo grave. Sembra infatti che nell’introduzione della ztl di borgo Marina non sia stato previsto il rilascio dei permessi per il transito agli operatori del mega approdo turistico che sono stati costretti fino ad oggi a percorrere via Pirinoli, corso Garibaldi e scendere in via Boine per raggiungere il molo lungo, con tutti i disagi e i ritardi nel servizio che possiamo immaginare”.

A scrivere è l’esponente dei Fratelli d’Italia in consiglio Comunale Alessandro Casano che prosegue: “Non bisogna dimenticare infatti che, grazie al pregevole progetto, nel nostro porto turistico gli ormeggi riservati al transito si trovano sul molo lungo ( banchina medaglie d’oro) mentre l’ufficio del porto, cioè la reception dove i diportisti in transito devono portare i documenti delle imbarcazioni, pagare il dovuto, chiedere informazioni ecc, si trova nella parte opposta del porto, cioè nella nuova area S. Lazzaro, a circa 1 chilometro di distanza. Gli operatori del porto da tempo sopperiscono lodevolmente a questo disagio “inventandosi” un servizio di trasporto quasi personalizzato con i mezzi che hanno a disposizione evitando così ai diportisti in transito la lunga camminata attraverso gli orrori del nostro nuovo porto, fatto di transenne, ridicole zone doganali, mucchi di terra, parcheggio abbandonato, scheletri edilizi, puzza di fogna ecc. ecc.

Siccome in questo periodo le imbarcazioni in transito sono, fortunatamente, piuttosto numerose, è facile immaginare quale disagio venga arrecato agli operatori portuali e ai diportisti i quali, lamentandosi e chiedendo ragione per le attese, rimangono sbalorditi non solo dalla disposizione del nostro porto ma anche dalla complicazione burocratica appena creata. Comprendiamo che negli ultimi tempi l’Amministrazione è stata impegnatissima nel cercare i propri equilibri interni ed ha dovuto fare appello a tutte le proprie energie per creare ed occupare tutte le poltrone possibili però ci sembra che la vicenda metta ancora una volta in luce superficialità e approssimazione”.