Cervo: “autobotti potrebbero non garantire la potabilità dell’acqua”, sindaco Lina Cha firma ordinanza. “Vietato farne uso se non previa bollitura. Per tutelare la cittadinanza”

Attualità Golfo Dianese

Il Comune di Cervo ha reso necessario, in via del tutto emergenziale, il riempimento nelle vasche di raccolta con acqua trasportata a mezzo di autobotti per assicurare la continuità nell’erogazione.

Cervo: scatta ordinanza non potabilità dell’acqua

La misura si è resa necessaria considerato il perdurare della crisi di approvvigionamento idrico in cui il Comune si trova da giugno 2022 a causa della pressione insufficiente sulla condotta dell’acquedotto, che impedisce di conseguenza l’attivazione della stazione di pompaggio per approvvigionare le vasche collinari.

Vista la stagione estiva e le alte temperature registrare, le autobotti non possono tuttavia garantire la potabilità dell’acqua immessa nelle vasche.

Il sindaco di Cervo ha dunque emanato un’ordinanza che vieta l’utilizzo dell’acqua immessa nell’acquedotto civico per usi potabili, per l’incorporazione negli alimenti e come bevanda, se non previa bollitura.

La misura sarà attiva fino al ripristino delle condizioni di conformità.