Dolcedo, colpo di scena: il Sindaco è favorevole, ma il Consiglio boccia l’ingresso del socio privato in Rivieracqua. Danio: “Decisione democratica”

Entroterra Politica

Il Consiglio comunale di Dolcedo, riunitosi ieri pomeriggio, ha bocciato la proposta di trasformazione di Rivieracqua da Società consortile pubblica per azioni in Società per azioni, con ingresso di un socio privato.

Tre favorevoli, fra cui sindaco e vicesindaco e quattro contrari

Alla votazione erano presenti otto consiglieri comunali, uno si è astenuto, tre, fra cui il sindaco Giovanni Danio, hanno votato a favore e quattro contro. Così la votazione: astenuta Barbara Gibellini; favorevoli il sindaco Giovanni Danio, il vicesindaco Angelo Pisani e Martina Giordano; contrari Paolo Gollo, Roberto Trincheri, Giorgio Rimbaudo e Manuel Virgilio.

Il Consiglio comunale di Dolcedo ha quindi deliberato “di non approvare la trasformazione di Rivieracqua da Società consortile per Azioni in Società per Azioni, nonché di non approvare il testo definitivo del nuovo Statuto della Società per Azioni e di trasmettere tempestivamente il provvedimento al Commissario ad acta, all’Amministrazione Provinciale di Imperia, a Rivieracqua S.c.p.A. ed ai soci di quest’ultima, per opportuna conoscenza”.

Il sindaco Danio: “Nessuna frattura politica, ognuno ha deciso liberamente”

Spiega il sindaco Giovanni Danio: “Questo voto del Consiglio comunale non evidenzia nessuna frattura politica all’interno della maggioranza, tanto è vero che un altro argomento all’ordine del giorno è stato votato all’unanimità. Ho esposto la pratica, annunciando il mio voto favorevole e poi ognuno ha deciso liberamente come votare, come è giusto che sia in un Paese democratico. Mi risulta che anche altri Comuni abbiano bocciato la proposta”.