Diano Marina: in Consiglio comunale il dibattito sulla salute degli aranci. Parrella punta il dito sulla GM, Manitta ribatte, “interventi con personale specializzato”/Foto

Golfo Dianese Politica

In apertura il consigliere Marcello Bellacicco precisa che in questa seduta non presenta interrogazioni perché, in accordo con il presidente del Consiglio, si punta a contenere i tempi della seduta in quanto dopo le 22 la società che gestisce lo streaming in diretta non garantisce l’assistenza e fa presente che questo in futuro non debba costituire un vincolo ai lavori consigliari e si intervenga quindi in merito. Il consigliere Francesco Parrella annuncia di attenersi allo stesso accordo e ringrazia presidente del Consiglio per essersi attivato per assicurare la trasmissione in diretta dei Consigli comunali. Alla seduta è assente il sindaco Cristiano Za Garibaldi.

Consiglio con tempi contingentati: dopo le 22 manca l’assistenza per la diretta streaming

L’assessore Barbara Feltrin spiega che il segretario comunale Matteo Marino si è trasferito a Bordighera e per questo si rende necessario sciogliere anticipatamente la convenzione per la gestione della segreteria con i Comuni di Diano Marina e Diano San Pietro.

Francesco Parrella dai banchi dell’opposizione lamenta la mancata comunicazione ufficiale del trasferimento del dottor Marino e chiede quali siano le intenzioni dell’Amministrazione in merito alla gestione della segreteria e anche del Comando della Polizia locale. Parrella esprime anche preoccupazione “in quanto abbiamo voci che anche funzionari dell’ufficio Lavori pubblici abbiano intenzione di trasferirsi“. L’assessore Feltrin replica: “Le voci di corridoio non sono notizie confermate”.

Anche il consigliere Bellacicco evidenzia che sarebbe stata gradita una comunicazione ufficiale sull’avvicendamento del segretario. Parrella annuncia l’astensione sulla votazione da parte del suo gruppo. Si astiene anche il Gruppo di Bellacicco.

L’approvazione della variante al regolamento edilizio comunale per le serre solari bioclimatiche viene ritirata per indisponibilità del sindaco, sopraggiunta soltanto questa mattina.

Il consigliere Francesco Parrella illustra la mozione relativa alla modifica del Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale e delle Commissioni consiliari e chiede di formalizzare il fatto che le registrazioni delle sedute consigliari restino fruibili per 12 mesi dopo ogni seduta sul sito del Comune.

Il presidente del Consiglio Francesco Bregolin risponde: “Per contratto, tutte le registrazioni restano disponibili per cinque anni sul sito, a disposizione di tutti gli utenti. Pertanto concordo con la mozione, ma togliendo la parte che limita la tenuta delle registrazione a soli 12 mesi”. Parrella replica: “Riteniamo che 12 mesi sia un periodo congruo. Un conto è il regolamento e un conto l’accordo con la ditta”. Il consigliere Bellacicco sottolinea: “Concordo con il consigliere Parrella, il regolamento è una tutela diversa da un contratto con privati”. La mozione viene quindi approvata solo in parte.

Parrella punta il dito sulla GM per la gestione del verde pubblico. Manitta ribatte, “interventi con personale specializzato e attrezzature specifiche”

Il consigliere Francesco Parrella ha quindi illustrato la sua interrogazione, sottoscritta anche dalla consigliera Micaela Cavalleri, sempre del Gruppo “Diano Domani”, circa gli interventi effettuati dalla GM a salvaguardia delle piante di arancio cittadine, evidenziando che le stesse “versano in gravi condizioni di incuria e risultano anche colpite da una malattia.

Replica il vicesindaco Bruino Manitta: “Si tratta di alberi risalenti all’inizio del secolo scorso, che hanno subito traumi anche per il traffico urbano. sono stati effettuati interventi di disinfezione e le piante attualmente mostrano segni di stress vegetativo, anche per la presenza di insetti e le condizioni metereologiche degli ultimi tempi. Trattamenti fitosanitari sono di difficile attuazione per le normative in ambito urbano. Si sta valutando l’endoterapia, trattando la pianta dall’interno. Alcuni interventi sono già in atto e se ne stanno valutando altri, anche per concimare e far assorbire più acqua alle piante.

La GM sta operando con uomini e mezzi e anche con consulenti e operai specializzati nel settore, impiegando anche escavatori e piattaforme elevate a norma con le leggi sulla sicurezza. Sono in svolgimento anche nuove verifiche di stabilità delle alberature effettuate da un agronomo e potature”.

Ribatte Parrella: “La gestione Manitta-Surace non ha prodotto grandi risultati. Tutti lo possono vedere, guardando gli alberi. Affidare un servizio alla GM che costa più che affidarlo ad altri, non deve comportare un aumento dei costi. Poi la GM ha dovuto prendere un agronomo consulente esterno e quindi si aggiungono altre spese. Alla GM diamo quasi 100 mila euro in più per la gestione del verde pubblico, rispetto a quanto davamo a quello che se ne occupava prima. Poi è da vedere contrattualmente come sono regolarizzati i dipendenti della GM. Siamo totalmente scontenti“.