Diano marina: sorprende il figlio con una sigaretta e lo aggredisce, 59enne condannato a 7 mesi di carcere

Attualità Golfo Dianese

Condannato a sette mesi di carcere. Questa la condanna pronunciata dalla giudice monocratica Francesca Minieri, in Tribunale a Imperia, nell’ambito del processo che vedeva sul banco degli imputati un 59enne accusato di abuso dei mezzi di correzione.

La PM Paola Marrali aveva chiesto la condanna a tre mesi di carcere.

Diano marina: sorprende il figlio con una sigaretta e lo aggredisce, condannato 59enne

I fatti risalgono al 12 agosto del 2020 a Diano Marina quando, il 59enne avrebbe sorpreso il figlio, allora 14enne, con una sigaretta in mano.

Questo, secondo l’accusa avrebbe scatenato la rabbia del padre che, alla presenza di coetanei del ragazzo e di altre persone, avrebbe aggredito il 14enne con un pugno al volto, facendolo cadere a terra e provocandogli anche ecchimosi e graffi al volto. Il 59enne lo avrebbe anche insultato affermando “vattene da questa casa, sei un bastardo, uno spacciatore” e si sarebbe rifiutato di rivolgergli la parola a fronte del tentativo del figlio di chiarire i fatti.

L’uomo era finito a processo anche con l’accusa di minacce per aver rivolto a una terza persona, un 40enne che era intervenuto mentre era in corso l’aggressione, la frase “vieni qui che te le do anche a te, ti ammazzo”, ma è il reato è stato estinto per remissione di querela.

Il 59enne è stato condannato per abuso dei mezzi di correzione a sette mesi di carcere. Il giudice non ha concesso la sospensione condizionale della pena.