SOCCORSO DALLA CAPITANERIA NATANTE CON 5 PERSONE A BORDO IN AVARIA TRA SANTO STEFANO AL MARE E SAN LORENZO AL MARE

Cronaca Home

CP2110_2

Nella giornata di ieri, sabato 4 ottobre, alle ore 14.42, la Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Imperia riceveva telefonicamente segnalazione tramite numero blu per le emergenze in mare 1530 dal Sig. G.A. a bordo di un natante a motore, di colore bianco, con n. 5 persone a bordo in avaria a circa 200 mt. dalla costa nel tratto di mare compreso tra Santo Stefano al Mare e San Lorenzo al Mare.
Veniva disposta l’immediata uscita della dipendente M/V CP 2110, la quale mollava gli ormeggi alla volta del tratto di mare in questione.

Il natante, una volta intercettato veniva affiancato dall’equipaggio dell’unità in servizio SAR CP2110 che, dopo essersi assicurato che le persone versassero in condizioni di salute ottimali, provvedeva a trarle in salvo e a rimorchiare in sicurezza il natante a motore presso il vicino Porto Turistico di Marina degli Aregai, dove ad accoglierli vi era personale del locale servizio ormeggiatori. Una volta in banchina venivano svolti dal personale militare gli accertamenti ed i controlli del caso. Al termine dell’intervento si disponeva il rientro dell’unità SAR.

In relazione a tale evento è doveroso rammentare alcune utili raccomandazioni per tutti i diportisti prima di prendere il mare con la propria unità:
– navigare sempre con le dotazioni di sicurezza e i documenti previsti;
– controllare sempre con estrema attenzione l’integrità dello scafo e lo stato di efficienza dell’unità nonché l’autonomia di carburante necessaria alla navigazione che si intende effettuare.
– informare familiari e/o amici della località che si vuole raggiungere e l’ora di previsto rientro nel porto di ormeggio.

Si ricorda inoltre a tutti i diportisti che ai sensi di quanto previsto dall’art. 60 del Codice della Nautica da Diporto – Denuncia di evento straordinario – : “Se nel corso della navigazione o durante la sosta in porto si sono verificati eventi straordinari relativi all’unità da diporto o alle persone a bordo, il comandante dell’unità da diporto deve farne denuncia all’autorità marittima o consolare entro tre giorni dall’arrivo in porto. In caso di eventi che abbiano coinvolto l’incolumità fisica di persone, predetto termine è ridotto a ventiquattro ore”.
Per ogni richiesta di soccorso e assistenza è sempre attivo il numero blu 1530 per l’emergenza in mare.