ALLUVIONE GENOVA. IL RACCONTO DI UN IMPERIESE: “MENTRE L’ONDA DISTRUGGEVA TUTTO E’ ARRIVATO IL MESSAGGIO DELL’ARPAL”/ LE IMMAGINI

Cronaca Home

L’uomo ha perso due auto, la moto e materiale di lavoro per un ammontare complessivo di circa 40.000 euro. “Mentre arrivava l’onda violentissima d’acqua del fiume che esondava, mentre vedevo l’auto e la via invasa dall’acqua, mi è squillato il telefono con un messaggio dell’Arpal che diceva che erano possibili delle esondazioni”

alluvione.jpg

Imperia. Sono molti gli imperiesi che, per lavoro o per studio, vivono a Genova e che, anche ieri sera, si trovavano nella “Città della Lanterna” durante l’alluvione. Tra i tanti, un 45enne di Imperia che vive a Genova ha infatti inviato una segnalazione, correlata di foto a Imperiapost per raccontare la sua drammatica serata.

L’uomo ha perso due auto, la moto e materiale di lavoro per un ammontare complessivo di circa 40.000 euro. “Mentre arrivava l’onda violentissima d’acqua del fiume che esondava, mentre vedevo l’auto e la via invasa dall’acqua, mi è squillato il telefono con un messaggio dell’Arpal che diceva che erano possibili delle esondazioni”.

Sono in molti infatti a lamentarsi del fatto che l’Arpal non abbia inviato tempestivamente l’allerta e che, fino all’ultimo, non si sia mossa per preservare i cittadini dai possibili danni dell’alluvione.

Segui Imperiapost anche su: