IMPERIA. CASO AGNESI. LA SODDISFAZIONE DEL PARTITO DEMOCRATICO DOPO L’INCONTRO AL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Home Imperia

collage pd+ agnesi

Roma – Il 15 dicembre 2014, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, si è svolto l’atteso incontro sulla problematica dello stabilimento Agnesi, alla presenza dei rappresentanti del Governo, della Colussi, di Confindustria, delle RSU, del Sindaco Capacci in rappresentanza del Comune di Imperia e dell’assessore Barbagallo in rappresentanza della Regione Liguria.

Il Partito Democratico di Imperia, ritiene che l’incontro costituisca un passaggio senza dubbio positivo nella trattativa in corso. Infatti,nonostante il quadro dello sviluppo futuro della vicenda Agnesi non possa dirsi completamente definito, possiamo registrare come siano emersi concreti impegni da parte dell’azienda in primo luogo con uno slittamento al 30/06/2016 della programmata sospensione della produzione di pasta. Parallelamente la Proprietà si è impegnata a rilanciare il marchio Agnesi e a costituire l'”Agnesi holding S.P.A”, con l’intento di entrare come socio di minoranza nelle realtà produttive agroalimentari liguri e promuovere con marchio Agnesi la produzione e commercializzazione di sughi e contorni da abbinare alla pasta. Inoltre l’Azienda non ha escluso la continuazione della produzione di pasta di qualità.

Le istituzioni hanno manifestato la loro disponibilità a contribuire per quanto di loro competenza anche con contributi regionali utilizzando Fondi Europei per sostenere eventualmente le iniziative di sviluppo. Le parti si sono altresì impegnate a rivedersi al tavolo ministeriale tra alcuni mesi per definire nel dettaglio il piano aziendale che si va delineando. Il Partito Democratico sottolinea come sia un risultato particolarmente rilevante, al di là di facili entusiasmi, che venga mantenuta la produzione e l’occupazione mentre si programma l’attività futura dell’Azienda. Lo slittamento seppure temporaneo della chiusura della produzione consente infatti di lavorare con maggiore serenità ad una risoluzione positiva che si auspica consenta ai dipendenti di uscire definitivamente dall’angosciosa situazione di incertezza in cui si trovano.

Il Partito Democratico quindi nel sottolineare il passo incoraggiante compiuto con la trattativa che da tempo lo vede impegnato come forza politica insieme alle istituzioni locali, è consapevole di dover mantenere alta l’attenzione affinché il percorso intrapreso prosegua con una puntualizzazione più stringente del piano industriale, che possa portare al mantenimento del livello occupazionale
auspicato.

C.S.