Home, Politica — 2 marzo 2014 alle 07:18

PRESUNTE MINACCE A COMMERCIANTE. PIERA
POILLUCCI (FI): “ZAGARELLA SI SCUSI O SE NE VADA”

“Le dichiarazioni del Vice Sindaco sono inaccettabili, sorde alle richieste
di chi sta cercando di tenere in piedi le proprie attività con molti sacrifici”

di Redazione

Piera Poillucci

“Ho letto le dichiarazioni del commerciante, titolare della gelateria Pinotto, Sig. Maisano, ed anche quelle del Vice Sindaco Zagarella. Penso che, al di là del chi ha torto e del chi ha ragione, emerga un dato di fatto molto grave: i commercianti – che ricordiamolo sono le “partite iva” che unitamente ad altre categorie formano le Piccole e Medie Imprese, storico pilastro dell’economia reale italiana – sono in grande difficoltà in Italia e senz’altro ad Imperia, credevo che ci potessimo rendere tutti conto che colpire loro è colpire tutti noi. E’ un domino”. A scrivere è il capogruppo di Forza Italia Piera Poillucci.

Le dichiarazioni del Vice Sindaco – prosegue –  sono tracotanti ed inaccettabili, sorde alle richieste di chi sta cercando di tenere in piedi le proprie attività con molti sacrifici.C’è un cantiere aperto per l’esecuzione dei lavori del “Progetto dal Parasio al Mare”: dopo il disagio arriveranno certamente i benefici per i commercianti e per gli imperiesi tutti e gli amministratori dovrebbero avere la pazienza di spiegare e capire che chi vive la zona, perché ci abita o ci lavora, ha grossi disagi. Magari dovrebbe chiedere scusa e veder di fare qualcosa per venire incontro a chi è penalizzato. Gli Amministratori dovrebbero avere l’umiltà di chi è al servizio dei cittadini e non viceversa l’arrogante atteggiamento di chi pensa di essere stato chiamato su all’Olimpo e, quindi, di mal sopportare i comuni mortali alle prese coi propri problemi quotidiani.

Il Vice Sindaco e Assessore ai Lavori Pubblici appare molto infastidito da tutto ciò che offusca la sua autocelebrazione. Una Amministrazione attenta! invece,  dovrebbe essere lì per capire le esigenze di chi vede da tempo la propria attività, già in bilico di per sé, ancor più colpita dalla presenza del  cantiere, dall’incertezza della fine dei lavori, dalle condizioni atmosferiche impietose da mesi, dalla TARES spropositata ed iniqua che gli è arrivata addosso, dal rischio di avere una stagione estiva immersa nella spazzatura, dall’illuminazine pubblica ‘cimiteriale’, da Via Boine scarificata e chiusa ai motocicli, dai Vigili Urbani che sono falchi in missione pronti a far multe anche per pochi centimetri di sporto sul suolo pubblico. Ma è così difficile capire che l’approccio non può e non deve essere quello del prepotente e che utilizzare la propria posizione di potere è uno dei più meschini gesti contro il senso Democratico? Zagarella chieda scusa e faccia ammenda del proprio comportamento inadeguato, come persona e come amministratore pubblico. Diversamente, è chiaro che non è all’altezza del compito e deve lasciare il posto ad altri, come già richiesto dal Collega Fossati”.