Home, Imperia — 30 marzo 2014 alle 14:25

IL CENTRO DI SOLIDARIETÀ L’ANCORA COMPIE 30 ANNI/LA STORIA. ECCO GLI EVENTI PREVISTI PER IL TRENTENNALE

Il presidente Boeri: ” Siamo consapevoli che abbiamo avuto la possibilità di svolgere il nostro lavoro con un discreto grado di serenità perché abbiamo potuto godere del sostegno e della fiducia di molti che hanno creduto in noi e in ciò che facciamo”

di Redazione

CAG TAggia2-001

La Cooperativa l’Ancora festeggia quest’anno i 30 anni dalla sua fondazione. Sin dall’anno della sua costituzione, il 1984, l’Ancora si è posta come obiettivo della solidarietà, in particolare nei confronti dei giovani in difficoltà.
Dobbiamo molto a molti – spiega il presidente Marco Boeri – Singole persone, gruppi, associazioni, istituzioni, enti pubblici, aziende. Siamo consapevoli che in tutti questi anni abbiamo avuto la possibilità di svolgere e sviluppare il nostro lavoro con un discreto grado di serenità anche perché abbiamo potuto godere del sostegno e della fiducia di molti che hanno creduto in noi e in ciò che facciamo. Ragazzi, volontari, donatori, sostenitori, amministratori e funzionari di enti locali, le ASL, a cominciare da quella imperiese, operatori dei servizi, obiettori di coscienza, volontari in servizio civile, amici, religiosi, medici, assistenti sociali, dirigenti, vescovi, genitori, insegnanti, educatori. Vogliamo dire a tutti loro che siamo grati per la loro partnership nel sostenere questa impresa sociale“.

LA STORIA

Nel 1983 l’allora Vescovo Angelo Verardo, raccogliendo le preoccupazioni di molte famiglie rispetto alla crescente diffusione delle droghe fra i giovani incarica Don Angelo di Lorenzo, allora giovane sacerdote, di fare qualcosa per dare delle risposte concrete a chi viveva questo probema.

Nel 1984 Don Angelo coinvolge un gruppo di persone di buona volontà, sensibili alle problematiche sociali, e assieme costituiscono l’Ancora, in forma di cooperativa. Con un paio di persone di fiducia intraprende un viaggio in Italia per conoscere le esperienza già attive per la cura delle tossicodipendenze. Fra queste, la proposta del Centro Italiano di Solidarietà fondato a Roma da Don Mario Picchi sembrava fra le più convincenti: proponeva un metodo strutturato, già utilizzato al Daytop Village di New York, per l’apprendimento del quale era avviata una scuola di formazione per gli operatori. Si decide di adottare questa metodologia operativa, denominata “Progetto Uomo”, la quale fra i principi guida considera la droga come sintomo di un disagio più ampio della persona, che va vista nella sua interezza e non solo per i sintomi che esprime. Nell’adattare questo metodo al contesto italiano fu aggiunto un importante coinvolgimento dei familiari nel percorso di recupero.

La prima sede operativa fu stabilita in alcuni locali messi a disposizione dalla parrocchia di San Rocco a Vallecrosia.
Nel 1985 aprì la prima comunità terapeutica presso una struttura del Frati Maristi, nei pressi di Ventimiglia.
Nel 1988 venne aperta a Riva Ligure la casa di reinserimento sociale e lavorativo per gli utenti che terminano il percorso di recupero.
Nel 1990 il Comune di Imperia ristrutturò una villa di proprietà di una fondazione (Villa Fanny) e la mise a disposizione dell’Ancora per farne una comunità terapeutica, chiedendo un modesto canone di locazione.
Nel 1991 l’Ancora modificò il proprio statuto per diventare Cooperativa Sociale di servizi alla persona.

LA RIABILITAZIONE

Il settore riabilitazione dalla tossicodipendenza del Centro di Solidarietà l’Ancora è costituito dalle strutture residenziali Villa Fanny, sita ad Imperia, e Riviera Flower’s, sita a Ventimiglia. Dal 2000 Villa Fanny è una struttura specialistica che si occupa di pazienti di Doppia Diagnosi, vale a dire con diagnosi di tossicodipendenza e psichiatrica grave.

Villa Fanny ospita 19 pazienti, di cui 14 uomini e 5 donne.

Riviera Flower’s ospita circa 30 pazienti.

IL SETTORE PREVENZIONE

Accanto al filone della riabilitazione e del reinserimento di soggetti tossicodipendenti, è da 15 anni attivo un settore prevenzione, impegnato nell’ascolto, nella consulenza, nella formazione, nel sostegno di adulti e giovani, destinatari di interventi finalizzati a ridurre la possibilità di accesso a situazioni di insostenibile sofferenza psichica e sociale.
Attivi il progetto “Caleidoscopio” negli istituti scolastici e svariate consulenze richieste espressamente da alcuni istituti comprensivi.

CENTRI AGGREGATIVI

L’Ancora gestisce tre centri aggregativi: “Baraonda” a Sanremo, “Stazione Centro” a Taggia, zona Levà, oltre al Centro di Santo Stefano al Mare.

GLI EVENTI ORGANIZZATI PER IL TRENTENNALE

Ecco gli eventi organizzati dall’Ancora per il trentennale:
5 APRILE Palazzo Roverizio a Sanremo – Nativi digitali: consumi e dipendenze dei giovani

13 GIUGNO Palazzo Roverizio Sanremo – Gioco d’azzardo patologico, in collaborazione con l’associazione “Effetto Farfalla”

16 APRILE Sala consigliare del Comune di Ventimiglia – Incontro con in candidati sindaci di tutte le fazioni politiche di Sanremo e Ventimiglia per confrontarsi sui temi del sociale. In collaborazione con alcune associazioni importanti del territorio: Caritas Intemelia, SPES

17 APRILE Sala degli specchi del Comune di Sanremo – Incontro con in candidati sindaci di tutte le fazioni politiche di Sanremo e Ventimiglia per confrontarsi sui temi del sociale. In collaborazione con alcune associazioni importanti del territorio: Caritas, Effetto Farfalla, AFPL, Mappamondo

9 MAGGIO Palafiori Sanremo sala Ranuncolo – “Le sfide educative con gli adolescenti” con la Dott.sa Emanuela Confalonieri (Università Cattolica di Milano)

22 MAGGIO Sala polivalente piazza Duomo Imperia – “Bambini, ragazzi, adolescenti oggi: quale educazione” con il Dott. Aceti (psicologo età evolutiva, consulente psicopedagogico città di Milano)

Convegno in autunno (data da definire) – “Nuove e antiche dipendenze: l’evoluzione degli stili di consumo e i modelli di trattamento”

Spettacolo di chiusura (data e luogo da definire) – “Sulla buona strada”. Musica e parole con interventi di gruppi musicali