Home, Imperia — 15 maggio 2018 alle 16:02

IMPERIA: IL 31 MAGGIO IL BILANCIO IN CONSIGLIO COMUNALE PER L’APPROVAZIONE. SALTA LA PRESENTAZIONE, CAPACCI: “TEMPI TROPPI RISTRETTI”

Il 31 maggio il consiglio comunale sarà chiamato ad approvare il bilancio preventivo
del Comune di Imperia. Lo ha deciso oggi, martedì 15 maggio, la conferenza capigruppo

di Redazione

imperia-bilancio-capacci-abbo-consiglio-comunale

Il 31 maggio il consiglio comunale sarà chiamato ad approvare il bilancio preventivo del Comune di Imperia. Lo ha deciso oggi, martedì 15 maggio, la conferenza capigruppo che, all’unanimità, ha optato per non procedere con la presentazione del bilancio, così come previsto dal regolamento del consiglio comunale.

Tempi troppo ristretti per procedere con la presentazione

Non ci sono i tempi tecnici, per questo i capigruppo, all’unanimità, hanno deciso di saltare il passaggio della presentazione, convocando direttamente un consiglio per il 31 maggio per la discussione e l’approvazione del bilancio preventivo. Un atto che va contro il regolamento del consiglio comunale, ma che si è reso necessario per poter approvare il documento contabile entro la fine del mandato dell’amministrazione Capacci.

Non è stato possibile fare diversamente  - ha spiegato Capacci a ImperiaPost – I tempi sono troppo ristretti per convocare due consiglio comunali. Tutti ci siamo trovati d’accordo”.

Nel frattempo, il bilancio è stato approvato questa mattina in Giunta e nei prossimi giorni passerà al vaglio dei revisori dei conti. Una volta concluso quest’ultimo passaggio toccherà al consiglio comunale procedere con discussione e approvazione

Quattro in totale i punti all’ordine del giorno del consiglio comunale del 31 maggio

Oltre al bilancio di previsione, verrà portato in consiglio anche il bilancio consuntivo. Entrambe le pratiche saranno presentate in consiglio comunale dal Sindaco Carlo Capacci e non dal vicesindaco Guido Abbo, titolare della delega al bilancio. Il motivo? In quanto candidato Sindaco, Abbo, per motivi di opportunità, ha preferito fare un passo indietro lasciando l’incombenza al primo cittadino che, come noto, ha deciso di non ricandidarsi.

Gli altri punti all’ordine del giorno sono il piano delle alienazioni e valorizzazioni ambientali, il programma triennale dei lavori pubblici e l’elenco annuale dei lavori da realizzare nel 2018 e il documento unico di programmazione 2018/2020.