Cronaca, Home — 31 agosto 2018 alle 18:18

PIZZAIOLO TROVATO IN POSSESSO DI 15 GRAMMI DI COCAINA. PUGNO DURO DEL QUESTORE, CHIUSA PER 7 GIORNI LA PIZZERIA “STELLA MARINA”

Pugno duro del Questore di Imperia che questo pomeriggio ha firmato il provvedimento di sospensione, per la durata di sette giorni, dell’attività di somministrazione di prodotti alimentari nei confronti del titolare della pizzeria “Stella Marina”

di Redazione

cocaina arresto questore cesare capocasa stella marina

Pugno duro del Questore di Imperia che questo pomeriggio ha firmato il provvedimento di sospensione, per la durata di sette giorni, dell’attività di somministrazione di prodotti alimentari nei confronti del titolare della pizzeria “Stella Marina”, sita a Ventimiglia.

Il provvedimento – prerogativa del Questore – segue le risultanze emerse dall’attività di polizia giudiziaria condotta da personale del Commissariato di Ventimiglia che, nella serata dello scorso 29 agosto, aveva tratto in arresto il cuoco – pizzaiolo trovato in possesso di una ingente quantità di stupefacente pronta per essere venduta, probabilmente proprio nei locali della pizzeria.

L’uomo, il cui arresto è stato convalidato dal Tribunale di Imperia, disponeva della sostanza e di tutta la strumentazione necessaria al porzionamento delle dosi da vendere agli acquirenti, proprio mentre svolgeva l’attività di pizzaiolo.

Nel corso dell’operazione di polizia, inoltre, gli agenti sottoponevano a perquisizione personale anche un altro dipendente, notato da alcuni operatori per il suo atteggiamento nervoso e preoccupato: nella disponibilità di quest’ultimo, veniva rinvenuta sostanza stupefacente del tipo hashish, suddivisa in sette involucri incellofanati.

Una terza dipendente dell’esercizio pubblico, infine, consegnava agli operatori di polizia, a seguito di loro richiesta, hashish e marijuana detenuta per uso personale e pertanto veniva segnalata alla Prefettura di Imperia, ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. nr. 309/1990.

La sospensione della attività di somministrazione e della chiusura del locale, trova la sua giustificazione nella natura squisitamente preventiva e non sanzionatoria del provvedimento, la cui finalità è quella di salvaguardare esigenze di ordine pubblico oggettivamente considerate, a prescindere dalle eventuali responsabilità attribuibili al titolare dell’esercizio.

L’essenza di vera e propria misura cautelare, infatti, è ulteriormente confermata dalla finalità dissuasiva e di prevenzione, rispetto ai pericoli che possono minacciare l’ordine e la sicurezza pubblica, alla cui tutela è preposto il provvedimento adottato dal Questore di Imperia.