IMPERIA. ESPULSO DAL M5S, ANTONIO RUSSO DICHIARA GUERRA A GRILLO E CASALEGGIO: “PER CACCIARMI CI VUOLE UNA DIFFIDA LEGALE. APRIRÒ UN CONTO CORRENTE PER…”/L’INTERVISTA

Home Politica

“Io voglio che Grillo mi dica perché mi vuole espellere – conclude Russo – Ammettano che mi stanno cacciando perché ho detto a Comandini di fare un passo indietro alle elezioni regionali per via delle sue amicizie imbarazzanti.

m5s russo protesta

“Per cacciarmi ufficialmente dal Movimento Cinque Stelle Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio devono inviarmi una diffida legale. Quando arriverà io mi opporrò. Aprirò un conto corrente e chiederò a chi lo vorrà di finanziare la mia battaglia legale contro Grillo e Casaleggio. Non più di 5-10 euro a persona. Vedrete quanta gente aderirà”. Antonio Russo, capogruppo in consiglio comunale del Movimento Cinque Stelle non ci sta e ribatte con forza all‘espulsione dal M5S annunciata da Beppe Grillo sul suo blog.

“A questo punto credo che l’iter della mia espulsione sia completato – prosegue Russo – ma per me non cambia nulla. Il messaggio di Grillo lascia il tempo che prova. Il Movimento Cinque Stelle è un’associazione e per espellere un associato è necessario passare attraverso l’assemblea dei soci. Grillo ha fatto qualcosa di illegale. Scommetto che non mi invierà nessuna diffida legale perché in tal caso dovrebbe ammettere che il M5S è un partito e allora verrebbe giù il baraccone”.

“Io voglio che Grillo mi dica perché mi vuole espellere – conclude Russo – Ammettano che mi stanno cacciando perché ho detto a Comandini di fare un passo indietro alle elezioni regionali per via delle sue amicizie imbarazzanti. Io voglio una motivazione, se lo ammetteranno io mi farò da parte, lascerò ogni incarico”.

Segui Imperiapost anche su: