IMPERIA. LUCRAVA SUL CIBO DESTINATO AI POVERI. PRETE CONDANNATO A 8 MESI DI CARCERE E 400 EURO DI MULTA/ LA STORIA

Attualità Home

11121037_580607205411965_603150605_n

Imperia – Otto mesi di reclusione (pena sospesa) e 400 euro di multa. È quanto è stato condannato, dal Giudice monocratico Domenico Varalli, Don Ruggero Badiale, 65 anni, presidente della Residenza Opera Cuore Immacolata Di Maria di Borghetto d’Arroscia.

Il sacerdote era accusato di truffa aggravata, assieme a Domenico D’Elia (assolto per non aver commesso il fatto), in quanto avrebbe utilizzato i viveri donati dalla Fondazione Banco Alimentare, destinati agli indigenti e ai poveri della Valle Arroscia, per la struttura di cui era presidente. L’inchiesta, condotta dal Pubblico Ministero Alessandro Bogliolo è partita a seguito di un blitz dei Carabinieri del NAS che hanno scoperto la truffa.

La deposizione del Maresciallo del Nas Giuseppe Licciardo:

Tutto è partito da una nostra ispezione igienico-sanitaria, in collaborazione con i Carabinieri di Pieve di Teco, nella residenza Opera Cuore Immacolata Di Maria di Borghetto d’Arroscia. Nei magazzini trovammo una partita di formaggio, in particolare grana padano e pecorino doc, e burro. Le derrate alimentari portavano la scritta ‘aiuti comunitari CEE, prodotti non commerciabili’. Le derrate provenivano dal Banco Alimentare, Onlus che le consegna a determinate associazioni per poi destinarle agli indigenti. Al Banco Alimentare i prodotti arrivavanodall’Agea, Agenzia per le erogazioni in agricoltura“.

L’associazione Opera Cuore Immacolata Di Maria aveva ricevuto gratuitamente le derrate per poi, teoricamente, destinarle ai degenti. Per tale fine è obbligatorio tenere un registro di carico e scarico delle derrate. Nel registro trovato all’interno della residenza, non c’era traccia del grana padano e del pecorino doc, mentre per quel che concerne il burroera registrato come già consegnato agli indigenti, dunque non avremmo dovuto trovarlo in magazzino“.

Il problema, però, è che all’interno della Residenza gli ospiti pagavano una retta, chi di tasca propria, chi grazie all’aiuto del Comune. Non erano dunque presenti indigenti. A riguardo una circolare della Agea parla chiaro. È vietata la consegna di derrate alimentari in strutture dove gli ospiti pagano una retta. Nel verbale di sequestro, inoltre, è spiegato che sulla porta del magazzino dove sono stati trovati formaggio grana, pecorino doc e burro,campeggiava il cartello ‘merce destinata allo smaltimento’. Un cartello che solitamente si utilizza per la merce scaduta. Gli alimenti in questione, però, al contrario, non erano scaduti, ma pronti per essere somministrati agli ospiti, tanto che nel frigorifero della struttura trovammo grana padano grattugiato delle stesso tipo di quello presente in magazzino“.