“TOR DES GÉANTS”. L’IMPERIESE FRANCESCO GOGGI A 50 KM DAL TRAGUARDO DI COURMAYEUR. OLTRE 290 KM PERCORSI IN 125 ORE DI GARA / L’AGGIORNAMENTO

Home Sport

goggi-ollomont

Solo il grande cuore di sportivo sta permettendo all’imperiese Francesco Goggi di proseguire il suo “Tor Des Géants”, la gara di montagna più dura al mondo che si svolge ogni anno sui monti della Valle D’Aosta. Malgrado le sue precarie condizioni di salute, Francesco ha deciso di non mollare e di portare a termine l’impresa impossibile per un atleta di 40 anni che ha scoperto la corsa di montagna solo da poco tempo e che sta dimostrando una grande determinazione nel voler tagliare il traguardo di Courmayeur.

Dopo oltre 120 ore di gare, oggi alle 11.59, Goggi ha lasciato il piccolo comune di Ollomont alla volta di Bosses. L’agente della Polizia di Stato ha già percorso oltre 290 km con un dislivello positivo di 26700 mt, la maggior parte dei quali soffrendo di stomaco, senza quasi mangiare e riposando pochissime ore.

Sulla tabella di marcia Francesco ha ancora un vantaggio di circa 5 ore sul cancello orario imposto dagli organizzatori e al momento si trova al 287° posto, quando ci sono ancora in gara 467 partecipanti. Circa 300 si sono ritirati e 1 è stato squalificato. Nella giornata di ieri, l’italiano Oliviero Bosatelli ha tagliato il traguardo in 75 ore, 10 minuti e 22 secondi. 

 

Mancano ancora circa 51 km alla fine della corsa che lo vede impegnato giorno e notte lungo i quattro “giganti” della Valle d’Aosta: il Gran Paradiso, il Monte Bianco, il Cervino e Monte Rosa in semi autosufficienza idrica e alimentare.

L’agente di Polizia imperiese è accompagnato dagli sponsor ufficiali: Il negozio “Al Vecio Scarpon” di Leca di Albenga, la “Nordsen” e la “Noene” , la “Latte Alberti” , “Simply”, l“Azienda Agricola Daprelà” e il “Consorzio Soluzione Casa”, noi di “ImperiaPost” e la Onlus Sorridi con Pietro.

È possibile seguire in diretta la gara e il percorso del singolo corridore sul sito live.tordesgeants.it , digitando il numero del pettorale di Francesco Goggi, il 111.

Forza Francesco!