IMPERIA. PIAZZA DUOMO E VIA BENZA, RESPINTA LA MOZIONE DI CASANO CONTRO I PARCHEGGI A PAGAMENTO. BAGARRE IN AULA:”UN DISPETTO VERSO I CITTADINI”/LA DISCUSSIONE

Consigli comunali Home

hgfd

È stata respinta la mozione presentata dal consigliere Alessandro Casano (Fratelli d’Italia Alleanza Nazionale) sui parcheggi a pagamento (0,20 euro) in piazza Benza e piazza Duomo e il disco orario in via Saffi, dopo l’ordinanza in materia emessa dal Comune Imperia nei giorni scorsi, attraverso la quale si vuole garantire una rotazione delle auto. Il capogruppo di Fratelli d’Italia chiedeva di ritirare l’ordinanza

La votazione ha visto 10 membri del consiglio favorevoli (Paolo Re, Natalia Riccò, Forza Italia, Alessandro Casano, Giuseppe Fossati, Alessandro Savioli, Susanna Palma), 3 astenuti (Antonio Russo, Gianfranco Grosso, Mauro Servalli) e 15 contrari (Pd, Sindaco Capacci, Imperia di Tutti Imperia per Tutti, Fulvio Balestra, Diego Parodi, Azione Civica). Presenti nell’aula consiliare anche alcuni residenti che hanno espresso forte malumore per l’esito della votazione.

LA DISCUSSIONE

ALESSANDRO CASANO

Chi abita a Porto Maurizio o al Parasio deve parcheggiare in piazza Benza e non può tutti i giorni andare a cambiare monete al parcometro. Sembra un dispetto verso i cittadini. La scusa è la rotazione dei parcheggi, un problema che non c’è. Basterebbe pulire le squadra per garantire la rotazione dei parcheggi. È stata chiamata in causa anche la fine dei lavori di via Cascione, affermando che questa soluzione dovrebbe rilanciare il commercio nella via. E’ una cosa che ci lascia stupiti, non capiamo la logica di questo ragionamento. I parcheggi sono pochi e quindi la gente parcheggia dove può. Questo è un dispetto verso i cittadini. Credo sia normale cercare di parcheggiare vicino a casa o al luogo di lavoro. Molti posti auto erano già scomparsi con la Ztl al Parasio ed era necessario recuperarli in qualche modo con piazza Duomo e piazza Benza. Noi chiediamo di revocare ordinanza e di trovare soluzioni alternative”.

CARLO CAPACCI

Noi l’anno scorso avevamo ritirato il piano della sosta per la sollevazione popolare. Quest’anno non mi pare di aver visto sollevazione popolari.

Non è corretto che un capoluogo provincia abbia per la seconda estate consecutiva i parcometri siano coperti. C’è un prezzo politico, 20 centesimi all’ora. Da nessuna parte in Italia. La minoranza durante gli incontri ha chiesto un abbonamento 40 euro al mese. Se si parcheggia tutti i giorni in piazza duomo per il lavoro spenderà al massimo 30 euro, dunque meno dell’abbonamento.

Era un accampamento macchine, deposito. Però non è corretto che pochi occupino il suolo di tutti. Ne sono convinto. L’idea è stata la mia e la rivendico fortemente. Non è concepibile che città capoluogo di provincia abbia parcometri e cartelli coperti da sacchetti neri”.

GIUSEPPE FOSSATI

Chi prende queste decisioni non conosce la realtà, le dinamiche dei parcheggi di Porto Maurizio. Il problema nasce dalla ztl del Parasio. chi abita al Parasio deve necessariamente parcheggiare in piazza Duomo o piazza Benza. Il piano della sosta era demenziale e l’avete rimesso nel cassetto, dopo aver speso 60 mila euro. I parcheggi a pagamento in piazza Duomo per venti centesimi con fasce di quattro ore è demenziale, perché impone ai cittadini di mettere le monetine. Non coprirò neanche i costi. L’unico effetto rompere scatole ai cittadini. In Via Saffi è istituita la zona disco, dove ci parcheggiano i residenti non c’è bisogno della rotazione. Non ci parcheggiano mica i turisti, è solo una rottura di scatole. Appoggio in pieno la mozione casano. Ritirate questo ordinanza perché non ha nessun senso. Nel parcheggio Angeloni invece ha senso mettere ad esempio una zona a disco”.

ROBERTO SALUZZO

Piano della sosta demenziale e ridicolo? Il problema è che ci sono pochi parcheggi. Pochi stalli e tante auto. Lo scopo è migliorare la vita dei residenti. Ai residenti piccolo vantaggio, ai non residenti piccolo svantaggio. Piano della sosta va in quell’ottica. Propongo al Sindaco di riaprire un tavolo sul tavolo della sosta. Chi ha una proposta migliore, ben venga. Anche io su via Saffi non sono d’accordo con l’ordinanza del Sindaco, per esempio. Ma si tratta di un’ordinanza per riporta in vigore un’ordinanza in vigore nel 1995.  E c’erano altri su questi banchi”.

ALESSANDRO SAVIOLI

“Sono favorevole alla mozione. Gli ascensori sono fermi, i bus navetta non garantiscono un servizio valido. La tariffa 20 centesimi è bassa, ma non per chi abita nella Ztl, per loro è troppo alta, svantaggiosa. I parcheggi devono essere gratuiti per i possessori dei pass Ztl garantendo rotazione con lavaggio strade periodico”.

PAOLO RE

“In via Acquarone c’è un terreno di proprietà di Arte che potrebbe essere utilizzato per realizzare un parcheggio. Potrebbe essere una soluzione per decongestionare il traffico a Porto Maurizio. Il segnale della rotazione dei parcheggi è giusto, quello di liberare il centro dalle auto, però Imperia non ha i servizi per garantire una mobilità fluida e veloce. La nostra situazione non è paragonabile a quelle delle grandi città”.