IMPERIA. LA RARI NANTES SOPPRIME IL NUOTO AGONISTICO OVER 13. IL COMUNE CONVOCA I GENITORI DEGLI ATLETI. VASSALLO:”PARLEREMO CON IL PRESIDENTE E…”/FOTO E VIDEO

Home Imperia

Si è svolto nella tarda mattinata di oggi, giovedì 15 giugno, l’incontro in Comune tra il sindaco Carlo Capacci, l’assessore allo Sport Simone Vassallo e i genitori degli atleti di nuoto agonistico della Rari Nantes.

NUOSPORT

Si è svolto nella tarda mattinata di oggi, giovedì 15 giugno, l’incontro in Comune tra il sindaco Carlo Capacci, l’assessore allo Sport Simone Vassallo e i genitori degli atleti di nuoto agonistico della Rari Nantes.

Oggetto dell’incontro era quello di fare il punto della situazione a seguito dell’annuncio da parte della società sportiva di voler sopprimere il nuoto agonistico per tutte le categorie over 13.

I genitori degli atleti hanno presentato una lettera, con oltre 40 firme, a vari enti, facendo un appello al Comune di Imperia al fine di vigilare attentamente sul rispetto degli accordi presi con la Rari Nantes. 

MAURO BOSTICCO

“Come genitori, abbiamo ribadito la nostra volontà a poter proseguire la fase agonistica dei nostri giovani atleti all’interno della piscina comunale Felice Cascione. Abbiamo messo in risalto alcuni punti del contratto di concessione che a nostro parere devono essere sottoposti a un’attenta attenzione sia da parte del Comune sia della Rari Nantes Imperia.

Il Comune si è riservato di incontrare quanto prima i vertici della società, al fine di valutare i punti oggetto di contestazione. Questo incontro sarà preliminare a un altro che avrà luogo successivamente tra Comune, Rari Nantes e genitori.

Ci riserviamo di contattare il Coni quanto prima per quanto concerne la questione prettamente sportiva. Nonostante sia stato interpellato non ha ancora risposto”.

SIMONE VASSALLO

“Abbiamo ricevuto la delegazione di genitori a seguito della lettera indirizzata al Comune e ad altri enti, dove hanno posto le problematiche della soppressione del nuoto agonistico per i ragazzi superiori ai 13 anni. Abbiamo dato un parere legale, dicendo che il Comune di Imperia non può entrare troppo nel merito di quello che viene fatto a livello sportivo. Viene dato un contribuito pubblico per la gestione del servizio e l’impianto natatorio. I genitori hanno sollevato il problema e per andare incontro a loro abbiamo detto che ci incontreremo con il presidente della Rari Nantes per trovare un soluzione che possa andare bene a tutti. Chiederemo il coinvolgimento anche del Coni per avere anche un parere sportivo”.

Segui Imperiapost anche su: