IMPERIA. COLPO DI SCENA, IL GIUDICE ACCOGLIE IL RICORSO DELLA BANCA CARIGE, STOP AL PAGAMENTO DI TFR E TREDICESIME AGLI EX LAVORATORI TRADECO/ECCO COSA È SUCCESSO

Home Imperia

TRAD

Colpo di scena nell’intricata querelle sul mancato pagamento di Tfr e Tredicesime agli ex lavoratori Tradeco dopo la rescissione del contratto per la gestione della raccolta rifiuti che legava l’azienda pugliese al Comune di Imperia.

Il giudice del lavoro di Imperia De Martino, accogliendo il ricorso della Banca Carige, ha sospeso l’ordinanza di assegnazione di 35 assegni ai dipendenti ex Tradeco che era stata deliberata dal giudice per le esecuzioni Antonella Ruocco nell’ambito del contenzioso tra il Comune e i lavoratori, a seguito dei decreti ingiuntivi presentati in Tribunale dal sindacato Uil per veder riconosciuto il pagamento di Tfr e tredicesime agli operai.

A seguito della sentenza del giudice, alcune settimane fa, i legali Salvatore e Maria Josè Sciortino avevano pignorato il conto del comune di Imperia presso la sede della Banca Carige di Oneglia, ritirando i primi 35 assegni da destinare gli ex lavoratori Tradeco per un valore pari a 279 mila euro.

Questa mattina si è tenuta una nuova udienza in tribunale di fronte al giudice per le esecuzioni Antonella Ruocco, la quale si è riservata di decidere sull’assegnazione degli assegni ai 38 operai ex Tradeco, in attesa di confrontarsi con il collega De Martino, a seguito del provvedimento di sospensione adottato da quest’ultimo.