23 Maggio 2024 14:12

Cerca
Close this search box.

23 Maggio 2024 14:12

IMPERIA. “SONO IL TECNICO DELL’ESTINTORE, DEVO…”. LA POLIZIA ARRESTA UN 58ENNE, ACCUSATO DI CENTINAIA DI TRUFFE IN TUTTA ITALIA/FOTO E VIDEO

In breve: Vagava per l'Italia spacciandosi per tecnico manutentore per eseguire finte manutenzioni degli estintori all'interno di esercizi commerciali. Con l'accusa di truffa è finito in manette...

arresto truffa

La Polizia di Stato ha arrestato quello che è considerato l’ideatore della c.d. “truffa dell’estintore”: C.C. di anni 50, originario di Livorno, ma domiciliato in provincia di Pisa, è stato bloccato appena uscito da un negozio di Albenga dopo aver appena consumato l’ennesima truffa. Una volta arrestato si è poi scoperto che era già ricercato in quanto doveva scontare una pena detentiva, agli arresti domiciliari, di oltre 1 anno e mezzo, proprio in regione delle numerose altre truffe commesse in Toscana. L’uomo durante il “colpo” si è avvalso della moglie V.R., una cittadina ucraina di anni 47, che fungeva da “palo”, la quale è stata segnalata all’Autorità Giudiziaria, in stato di libertà.

È stato verificato che il truffatore non lasciava nulla al caso, pianificando i suoi spostamenti sul territorio nazionale in treno, in compagnia della moglie e della figlia minore, quindi prendeva alloggio in strutture alberghiere situate nella provincia vicina ai suoi obiettivi, che raggiungeva attraverso mezzi pubblici. In seguito al suo arresto si è scoperto che lo stesso aveva preso alloggio nei giorni scorsi ad Imperia e da ieri in un hotel a Diano Marina.

I primi “colpi” dell’uomo, che in gioventù aveva effettivamente lavorato nel campo della manutenzione degli estintori, risalirebbero al 2000, prima di essere individuato e denunciato a Grosseto nel mese di dicembre 2008, in seguito avrebbe “colpito” in quasi tutto il centro-nord, ma non era mai stato “preso” nella flagranza, fino a ieri pomeriggio ad Albenga, quando i poliziotti della Squadra Mobile di Imperia lo hanno atteso fuori dall’obiettivo e colto con il provento della truffa appena consumata ai danni della titolare di un centro estetico.

Coloro che utilizzano questa modalità si presentano nei negozi come dipendenti di una nota ditta della zona, affermando che devono fare manutenzione agli estintori; in realtà fingono un controllo e verificano il nome della ditta referente quindi presentano al commerciante una ricevuta di importo non rilevante che, per tale motivo, spesso non desta dubbi nella vittima, che paga in contanti e senza verificare nulla.

L’operazione odierna si inserisce nel quadro delle attività di contrasto al fenomeno delle “truffe” in danno di anziani e commercianti e, più in generale, nell’attività serrata di contrasto alla criminalità diffusa, voluta dal Questore di Imperia Cesare Capocasa.

Ricordando che solo giovedì u.s. si è svolto presso l’auditorium della Camera di Commercio di Imperia il “3° convegno per la prevenzione alle truffe nei confronti degli anziani”, promossa da Confartigianato, la Polizia di Stato intende, con questo nuovo arresto, sensibilizzare l’opinione pubblica, evidenziando che il fenomeno non è da sottovalutare e necessita, per essere adeguatamente contrastato, della collaborazione tra cittadini e Forze dell’Ordine, in sinergia con tutti i soggetti istituzionali e non che operano sul territorio con le stesse finalità.

La Polizia di Stato invita, ancora una volta, a prestare attenzione a qualunque situazione che appaia inusuale rispetto alla norma e a segnalare l’evento sia alle Forze dell’Ordine che, per i commercianti, alle loro Associazioni di categoria; in particolare per evitare questa tipologia di truffa detta “dell’estintore” è sufficiente ricordare che normalmente le imprese che fanno manutenzione prendono appuntamenti o avvisano degli interventi. I tecnici manutentori sono in possesso di distintivi o divise facilmente riconoscibili; in caso di dubbi è sufficiente chiedere di attendere, mentre si fa una telefonata di controllo. Già questo è un deterrente che con buone probabilità farà allontanare il malintenzionato.

L’invito del Questore ai cittadini: “Chiamateci sempre”, non siete soli di fronte a questi reati odiosi che oltre al danno, producono un senso di colpa, di vergogna, per essere caduti nel raggiro, tanto palese quando viene svelato.

Nell’articolo, con l’autorizzazione della competente Autorità Giudiziaria, viene divulgata la fotografia dell’uomo, in considerazione della possibilità che abbia truffato altri commercianti, tra cui alcuni negozi di Alassio, in corso di individuazione.

L’operazione è stata illustrata questa mattina in conferenza stampa dal dirigente della Squadra Mobile di Imperia Giuseppe Lodeserto.

“Abbiamo tratto in arresto, in flagranza di reato, questo soggetto, toscano, classe ’58, con alle spalle 100 denunce a piede libero per reati compiuti con lo stesso modus operandi e per i quali non era mai stato arrestato. E’ un soggetto che, facendo leva su un suo pregresso bagaglio conoscitivo legato alle mansioni che svolgeva da giovane, ha iniziato a utilizzare queste conoscenze per mettere in piedi delle truffe, in particolare spacciandosi per un tecnico manutentore di estintori. Entrava nei negozi, in varie parti del territorio nazionale, ed effettuava una falsa manutenzione degli estintori, rilasciando poi una ricevuta per la quale si faceva pagare immediatamente 80 euro per po darsi alla fuga. Aspetto particolare è che fuori dal centro estetico di Albenga all’interno del quale aveva appena messo in opera la truffa, abbiamo rinvenuto anche un blocchetto di fatture già precompilate tutte con la data di ieri, venerdì 7 luglio. La sua intenzione, dunque, era quella di proseguire con una decina di truffe in altrettanti esercizi commerciali. Abbiamo denunciato in stato di libertà alla sua compagna, una ucraina classe ’70, che nell’occasione della truffa ai danni del centro estetico svolgeva la funzione di palo, controllando che nessuno intervenisse.

L’arrestato è stato l’ideatore di questa tecnica di truffa e ne ha poste in essere tantissime. Soltanto quelle per le quali è stato individuato quale responsabile sono un centinaio, a partire dal 200o. Da tenere conto, inoltre, che ha già scontato 4 anni di detenzione domiciliare nell’ultimo periodo per questi fatti pregressi. Queste tipologie di truffe, a differenze di quelle perpetrate ai danni degli anziani, negli appartamenti, non danno necessariamente un immediato feedback perché molte vittime non si accorgono della truffa. Immaginiamo dunque che i reati compiuti siano molti di più di quelli contestati”.

 

Condividi questo articolo: