Cronaca, Home — 23 maggio 2018 alle 10:03

IMPERIA: AGGREDITO A COLPI DI PIETRE IN VIA CASCIONE MENTRE PORTA A SPASSO IL CANE, 19ENNE GRAVE IN OSPEDALE/ECCO COSA È SUCCESSO

Aggredito a colpi di pietre mentre porta a spasso il cane, è ora ricoverato in prognosi
riservata dopo una delicata operazione chirurgica per ridurre una lesione al cranio

di Redazione

aggressione-pietra-via-cascione-imperia-santa-corona-carabinieri (2)

Aggredito a colpi di pietre mentre porta a spasso il cane, è ora ricoverato in prognosi riservata all’Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure per via di una lesione al cranio. La vittima è un 19enne e la folle aggressione si è consumata sabato scorso, in pieno giorno, nella centralissima via Cascione a Imperia.

L’aggressione a colpi di pietre

Il 19enne stava portando a spasso il cane quando, nei pressi della Galleria Gastaldi, forse dopo un’accesa discussione, è stato rincorso, aggredito e colpito alla testa con una pietra. L’aggressore, dubito dopo il folle gesto, si è dato alla fuga, mentre la vittima è rimasta a terra sanguinante.

A prestare i primi soccorsi al 19enne commercianti e passanti, che hanno immediatamente chiesto l’intervento dellambulanza. Il giovane, dopo essere stato stabilizzato, rimanendo sempre cosciente, è stato trasportato al Pronto Soccorso. Operato d’urgenza, è ora ricoverato in prognosi riservata.

Le indagini dei Carabinieri

I Carabinieri hanno immediatamente avviato le indagini per rintracciare il colpevole della brutale aggressione. In primis i militari hanno raccolto le testimonianze di chi ha soccorso il 19enne negli istanti immediatamente successivi all’aggressione.

Ancora ignote le cause all’origine del folle gesto, anche perché al momento, visto il quadro clinico, non è possibile per i Carabinieri interrogare la vittima per avere un resoconto chiaro dei fatti. Secondo una prima ricostruzione, a scatenare la rabbia dell’aggressore, tuttora ricercato, potrebbe essere stato il cane della vittima, colpevole, forse, di aver lasciato i propri bisogni per strada. Un’ipotesi però tutta da verificare e sulla quale stanno cercando di far luce i Carabinieri.