Home, Imperia — 5 giugno 2018 alle 13:43

IMPERIA: MARE OFF LIMITS A BORGO PRINO. ESPLODE LA RABBIA DEI BALNEARI: “I TURISTI SE NE VANNO A SAN LORENZO!”/LE IMMAGINI

Nella giornata di oggi, è stata firmata un’ordinanza che dispone l’interdizione temporanea alla balneazione nelle acque “Borgo Prino Isola centrale”, a causa di uno sversamento di liquami che si è verificato domenica scorsa.

di Redazione

Schermata 2018-06-05 alle 13.40.40

Nella giornata di oggi, martedì 5 giugno, è stata firmata un’ordinanza che dispone l’interdizione temporanea alla balneazione nelle acque “Borgo Prino Isola centrale”, a causa di uno sversamento di liquami che si è verificato domenica scorsa.

I controlli di Capitaneria, Amat e Arpal

Sul posto sono intervenuti la Capitaneria e gli operatori Amat, che hanno individuato la causa dello sversamento nell’intasamento di una linea mista secondaria su cui è stato eseguito un intervento di disostruzione.

L’Arpal ha effettuato due campionamenti nella zona, evidenziando un superamento significativo del parametro Eschirichia Coli.

Per questi motivi, è stata interdetta temporaneamente la balneazione, al fine di tutelare la salute e la sicurezza pubblica. Il disagio, però, ha creato non pochi malcontenti tra gli operatori turistici che, come già successo in passato, devono fare i conti con un inizio stagione difficoltoso.

Il malcontento degli operatori balneari

“È una vergogna , tutti gli anni la stessa storia - afferma Fabio Dellerba della Baia Salata - Oggi alle 11.30 ci hanno mandato la mail dicendo che è tornato il divieto di balneazione, però non è arrivato nessuno a mettere i fogli.

Perdiamo i clienti - continua - stamattina alcuni bagnanti, dopo che li abbiamo avvertiti della nuova ordinanza, hanno voluto i soldi indietro. Speriamo si risolva al più presto”.

“C’è un forte malcontento qua al PrinoCarlo Boazzo del Tapas Beach abbiamo perso molti di clienti, è un danno economico e turistico. Questo problema va risolto una volta per tutte di inverno e non ogni volta a inizio estate, con il divieto di balneazione. Molti turisti tedeschi hanno detto che non verranno più qui e andranno a San Lorenzo al Mare”.