Elezioni comunali 2018, Home — 21 giugno 2018 alle 16:39

ELEZIONI IMPERIA 2018: GIANNI GAGGERO, ASSESSORE ALL’URBANISTICA IN PECTORE DELLA GIUNTA LANTERI, INCASSA LA FIDUCIA DI ABBO. “PERSONA CAPACE, MA SUL BALLOTTAGGIO…”

In caso vittoria della coalizione di centrodestra, a ricoprire il ruolo di assessore all’Urbanistica del Comune di Imperia sarà l’architetto Giovanni Gaggero.

di Redazione

Schermata 2018-06-21 alle 16.10.35

È stato presentato questa mattina un nuovo elemento della giunta del candidato sindaco Luca Lanteri. In caso vittoria della coalizione di centrodestra, a ricoprire il ruolo di assessore all’Urbanistica del Comune di Imperia sarà l’architetto Giovanni Gaggero.

Gaggero, 65enne, architetto, è un ex dirigente del settore Programmi Urbani Complessi della Regione Liguria ed è uno degli attori che hanno contribuito a far ottenere al Comune di Imperia il finanziamento dei 18 milioni di euro nell’ambito del Bando Periferie.

Proprio in riferimento all’argomento della pista ciclabile, durante la conferenza sono stati numerosi i riferimenti all’amministrazione uscente e, in particolare, al determinante ruolo degli assessori Guido Abbo e Enrica Fresia per l’ottenimento del finanziamento di 18 milioni di euro nell’ambito del Bando Periferie.

Guido Abbo

“Ho molta stima di Gianni Gaggero, è di alto profilo ed è capace – ha affermato Abbo, contattato da ImperiaPost per conoscere la sua opinione sulla nomina di Gaggero - Ho lavorato benissimo con lui. Confermo quello che è stato detto durante la conferenza.

Ho lavorato con lui perché era dirigente del settore quando abbiamo preparato il bando, inizialmente si pensava di inserire un pezzo di ciclabile Diano-Imperia. Con lui abbiamo iniziato il percorso, ci ha seguito e lavora bene. È stato un lavoro corale di molti attori e lui ha avuto un ruolo molto importante.

Mi viene in mente che il suo nome lo avevamo fatto sia io che Marco Scajola quando abbiamo presentato il bando periferie in Biblioteca a dicembre. Gaggero ha lavorato bene con l’amministrazione. I dirigenti non hanno colore politico.

Per quanto riguarda la nomina di Lanteri, non entro nel merito, è una scelta sua e non mi esprimo. Non cambia la mia posizione riguardo il ballottaggio, rimane la libertà di coscienza agli elettori“.