Imperia, semaforo pedonale in Corso Garibaldi: troppe code, il Comune corre ai ripari con una centralina/I dettagli

Attualità Imperia

Dal momento dell’installazione del semaforo pedonale in Corso Garibaldi, sono state numerose le segnalazioni dei cittadini riguardo l’aumento delle code nella zona.

semaforo-corso-garibaldi-imperia

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Il Comune ha stanziato 2 mila euro per dotare il nuovo impianto semaforico di Corso Garibaldi di un sistema centralizzato. Il motivo? Evitare la formazione di lunghe code, specialmente nelle ore di punta del traffico imperiese.

Semaforo in Corso Garibaldi: una centralina per limitare le code

Dal momento dell’installazione del semaforo pedonale in Corso Garibaldi, all’altezza dell’incrocio con via Cascione, sono state numerose le segnalazioni dei cittadini riguardo l’aumento delle code nella zona.

Per correre ai ripari, il Comune ha deciso di dotare “l’impianto semaforico pedonale di Corso Garibaldi di apposita centralizzazione tramite l’acquisto di una licenza di connessione alla piattaforma Tmacs, che è un sistema di telecontrollo centralizzato attraverso piattaforma server-client con protocollo di comunicazione internet IP comprendente sia l’apparato di comunicazione con alimentatore, antenna e cavi di connessione sia la licenza di connessione con la configurazione completa del dispositivo e di ogni parametro dell’impianto nel database del server Tmacs già u lizzata per l’impianto dell’intersezione di via Pirinoli”.

Questo intervento servirà per garantire “il corretto funzionamento” e per fare in modo di attuare celermente “gli eventuali adeguamenti tecnici da apportare all’impianto anche per le modi che dei tempi di fermo con luce rossa che si rendessero necessari per contingenti esigenze del traffico veicolare che differisce a secondo degli orari o per altre cause quali manifestazioni, lavori, ecc., oltre che per gli interventi di manutenzione, per i quali la richiesta di intervento ordinario alla ditta fornitrice dell’impianto non è auspicabile in quanto andrebbe richiesta di volta in volta, con la conseguenza degli inevitabili ritardi dovuti ai tempi di predisposizione delle determinazioni e le tempistiche dell’azienda”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!