Decreto Sicurezza, l’assessore Gagliano replica all’attacco di Piana (Lega). “Agito nell’interesse della sicurezza della comunità imperiese”

Attualità Imperia

Con queste parole l’assessore del Comune di Imperia, Antonio Gagliano, replica alle accuse mosse dal commissario provinciale Lega Imperia, Alessandro Piana, in merito al Decreto Sicurezza del Ministro Salvini

Piana ha compiuto il più classico degli scivoloni – Con queste parole l’assessore del Comune di Imperia, Antonio Gagliano, replica alle accuse mosse dal commissario provinciale Lega Imperia, Alessandro Piana, in merito al Decreto Sicurezza del Ministro Salvini.

Decreto Sicurezza: Gagliano Reaplica alle accuse di Piana

“Come sanno bene gli imperiesi, è mia abitudine lavorare a testa bassa e non rispondere alle polemiche, tanto più quando sono sterili. Tuttavia, se queste vengono da chi riveste incarichi istituzionali di rilievo, allora è giusto replicare. È giusto che la gente conosca il livello di certi governanti.

Piana mi attacca per le critiche che, come moltissimi altri Amministratori in Italia, avevo mosso al Decreto Sicurezza, nella parte in cui prevedeva di mettere migliaia di stranieri senza lavoro e senza documenti in mezzo a una strada, con tutti gli evidenti rischi per la sicurezza.

Secondo lui, il fatto che oggi io proponga di attingere alle possibilità concesse dalla legge di assumere componenti della Polizia Municipale sarebbe motivo di incoerenza.

Non è evidentemente così: in entrambi i casi quello che ho detto, e che ribadisco, l’ho detto nell’interesse della sicurezza della comunità imperiese.

Semmai, è il Decreto Sicurezza che, in origine, risultava incoerente con le sue finalità, tralasciando le esigenze degli Enti Locali. L’articolo per il potenziamento della Polizia Municipale, che oggi vorremmo utilizzare, è il 35 bis. Questo articolo non era stato previsto inizialmente dal Ministro dell’Interno ed è stato aggiunto solo in seguito con un emendamento, dopo le tante richieste dei territori.

Piana dimostra dunque di non conoscere neppure, se non superficialmente, le norme del suo stesso partito. Eppure perde tempo ad attaccarmi invece che lavorare in Regione”.

Segui Imperiapost anche su: