Rovere d’Oro 2019, presentata la giuria. Lavernier: “personalità di spicco del mondo concertistico e didattico”

Attualità Golfo Dianese Home Provincia

Si tratta di una giuria internazionale, con personalità di spicco del mondo concertistico e didattico, con lo scopo di fornire ai giovani concertisti anche un’esperienza formativa per la carriera

Saranno Floraleda Sacchi, arpista, recentemente premiata al Latin Grammy AwardsFrancisco José Gil Ortiz (clarinetto), Gabriel Guillén Navarro(chitarra), Georgina Sánchez Torres (violoncello), Miguel Angel Tamarit (clarinetto) e Renata Benvegnù (pianoforte) i giurati della 32ma edizione del Premio Rovere d’Oro, il prestigioso Concorso internazionale di esecuzione strumentale di San Bartolomeo al Mare, che si svolgerà dal 22 al 27 luglio sotto la Direzione artistica del M° Christian Lavernier. Il Bando di partecipazione è già stato pubblicato sul sito www.roveredoro.org.

Si tratta di una giuria internazionale, con personalità di spicco del mondo concertistico e didattico, con lo scopo di fornire ai giovani concertisti anche un’esperienza formativa per la carriera.

Il lavoro comune tra l’Associazione Rovere d’Oro e l’Amministrazione Comunale di San Bartolomeo al Mare sta portando il Rovere d’Oro ad essere uno dei più seguiti Concorsi di musica classica a livello internazionale. Ad appena un mese dalla pubblicazione del bando, sono già numerosi i concorrenti che hanno manifestato interesse, a conferma della crescita costante del Concorso riscontrata in particolare in questi ultimi quattro anni, sotto la direzione di Lavernier.

Il Rovere d’Oro – sottolinea Lavernier – non é solo una competizione, è anche un momento fondamentale di scambio e di crescita per i partecipanti che, a diversi livelli, dedicano alla musica molte ore di lavoro. Il Rovere d’Oro ha da sempre cercato di essere un punto d’incontro tra artisti di ogni nazionalità e background ma anche tra giovani incuriositi dal mondo della musica.

E’ per questo che rimane un concorso aperto al pubblico sia nelle serate dei concerti che durante le giornate delle prove d’esame. Da questo incontro di musicisti non può che crearsi cultura e bellezza. Legare il nome di San Bartolomeo a questa splendida esperienza non fa altro che portare lustro e visibilità a una città che, con fatica e abnegazione, da oltre 30 anni crede nei giovani e nel loro talento“.

Questo il link al bando: http://www.roveredoro.org/wp-content/uploads/2019/01/2019_ITA_PUBBLICATO.pdf

Floraleda Sacchi (arpa)

Floraleda Sacchi sta rivoluzionando l’immagine dell’arpa. Definita come “la migliore interpretazione di arpa mai ascoltata” (American Record Guide) e inventrice di “un affascinante capitolo della storia dell’arpa moderna” (La Repubblica), ha venduto migliaia di dischi per indie e major raggiungendo anche le prime posizioni della classifica classica, ha suonato in tutto il mondo come solista e solista con orchestra, ha composto e arrangiato musica per arpa classica ed elettrica.

Ai Latin Grammy Awards, Floraleda Sacchi è stata premiata per aver inciso il concerto per arpa Magica y Misteriosa, nell’album omonimo di Claudia Montero, premiato a Las Vegas come il miglior lavoro di musica classica.

Francisco José Gil Ortiz (clarinetto)

Pluripremiato in concorsi internazionali e concorsi di musica da camera, come parte del duo Santor-Gilort. Ha studiato clarinetto ad Albacete, sotto la guida di J. C. Vila, al Royal Conservatoire de Music di Madrid con V. Peñarrocha e J. Sanz, ottenendo la menzione speciale. Ha inoltre conseguito il diploma in Educazione musicale presso l’Università Castilla-La Mancha. E’ stato membro di diverse orchestre e ha collaborato con diversi altri ensemble in tutto il mondo. Ha tenuto corsi presso i Conservatori di Amaniel e Alcalá de Henares, e attualmente insegna al Conservatorio di Castilla-La Mancha. Si è esibito in Europa e in America, dove ha anche partecipato a registrazioni radiofoniche e televisive. Il suo album per clarinetto E-flat con il pianista Elías Romero è uno dei pochi dischi dedicati a questo strumento. Le sue composizioni possono essere trovate in tutto il mondo pubblicate tramite SANTOR Ediciones.

Gabriel Guillén Navarro (chitarra)

Nato a Maracay, Venezuela. All’età di 6 anni inizia a studiare la chitarra sotto la guida del chitarrista uruguaiano Mario Vidalin, che lo introduce alla tecnica di Abel Carlevaro e alla musica uruguayana e argentina. In seguito, ha studiato con Leopoldo Igarza, José Gregorio Guanchez e Alberto Espinosa alll’Università Superior de Música José Lamas. Tra il 1984 e il 1988, ha tenuto concerti nella maggior parte dei festival di chitarra di tutto il mondo. Nel 1987 ha vinto il terzo premio al Concorso Antonio Lauro, durante questo periodo ha preso parte attiva nelle classi di perfezionamento tenuti da Abel Carlevaro, Luis Zea, Rafael Benatar, Bartolomeo Diaz e Franka Verhagen. Ha registrato per numerose radio e televisioni in tutto il mondo. Nel 1998 ha vinto una borsa di studio per perfezionarsi in Europa e nello stesso anno si è trasferito a Vienna in Austria studiando con il Prof. Walter Würdinger e di Zurigo, in Svizzera con il Prof. Konrad Ragossnig. Ha dato concerti in gran parte dei continenti: in Europa, Sud America, USA e Giappone. Dopo aver completato gli studi in Europa, ha ricevuto il “Merit Award” da parte del governo austriaco, il premio “Amigo de Venezuela dalla Postiva il Venezuela” e il “Honors Award” da parte del “Rotary Club Caracas-Avila”. Artista acclamato internazionalmente, insegna al Joseph Haydn Konservatorium a Eisenstadt, (Austria).

Georgina Sánchez Torres (violoncello)

Dal 2002, anno del suo primo recital, ha ricevuto oltre 35 premi come solista e in musica da camera, si è esibita in tutta la Spagna e in numerosi paesi europei (Italia, Belgio, Austria, Portogallo, Francia …) ha partecipato a registrazioni per radio e la televisioni in tutto il mondo. Tra le sue fatiche discografiche più rilevanti troviamo En La Ciudad del Cielo (2013), Spanish Cello (2014), El Vuelo del Pájaro (2015) e Live in Zaragoza (premiato con il miglior album di musica classica ai MIN 2016 Awards). È stata solista al Wiener Mahler Philarmoniker (2013) e ha fondato la Young Leon Orchestra (JOL). Strumentiscta Compositrice premiata nei più importanti concorsi del mondo “Arte Joven Castilla y Léon” (2010) premio di composizione “Pentafinium Jacobeo” (2016) e molti altri. È la fondatrice della casa editrice e etichetta discografica SANTOR Ediciones. E’ laureato in Violoncello e direzione d’orchestra. Ha anche diversi titoli post-laurea: in Direzione orchestrale, e in Danza, presso il Dance Institute Alicia Alonso. Attualmente sta conseguendo il dottorato di ricerca in Interpretazione musicale presso l’Università di Aveiro (2016-2020). Georgina suona un violoncello di H. Derazey del 1860. Attualmente è Violoncellista e insegnante di musica da camera presso la scuola di musica di Extremadura e il Conservatorio di Badajoz.

Miguel Angel Tamarit (clarinetto)

Inizia i suoi studi musicali al Conservatorio Superiore di Musica di Valencia dove ottiene il titolo di professore superiore di clarinetto. Nel 1988 vince una borsa di studio al Mozarteum di Salisburgo con Alfred Prinz, clarinetto solista dei Wiener Philharmoniker. Nel 1989 al Mozarteum e alla “Hochschule für Musik” di Vienna si perfeziona in clarinetto e musica di camera. Nel 1990 fonda il trio Johannes Brahms, con cui ha fatto innumerevoli concerti in tutto il mondo. Vincitore di una borsa di studio dell’Unione Europea, nel 1994 approfondisce gli studi di musica di camera con i professori Zadra e Vernikov, che gli permettono di fare concerti in diversi paesi europei. Ha tenuto numerosi concerti con la “Turiae Camerata”, Silvestre String Quartet, Resident Quartet di Salisburgo, Associazione di musica del XX secolo, Quintet de Vent di Valencia. È stato fondatore dell’Orchestra de Conservatorio di Zaragoza e ha collaborato con l’Orchestra Municipale di Valencia. Dal 1990 è clarinetto solista nell’Orchestra Filarmonica di Las Palmas, Canarias. Tiene masterclass in tutta Europa e si è specializzato in esecuzione di clarinetti originali del XVIII secolo.

Renata Benvegnù (pianista)

Ha iniziato lo studio del pianoforte a 6 anni. Si è diplomata con il massimo dei voti, lode e menzione speciale al Conservatorio di Adria sotto la guida dei maestri G. Nuti e F. Righini e si è laureata con lode alla Royal Academy of Music di Londra nel 2012 nella classe del m° C. Elton. Ha conseguito il diploma di alto perfezionamento con il massimo dei voti presso l’Accademia Nazionale S. Cecilia di Roma sotto la guida del m° S. Perticaroli ed il Diploma Master al corso triennale in musica da camera presso l’Accademia Internazionale di Imola seguita dal m° P. Masi. Nel 2010 ha studiato al Conservatorio Reale di Madrid ed ha superato un’importante selezione (solo dieci i pianisti selezionati in tutto il mondo) che le ha permesso di frequentare la Music Academy of the West in California e di partecipare ad un ciclo di 20 concerti negli Stati Uniti. Ha vinto il primo premio in più di quaranta concorsi pianistici. Ha inciso l’integrale dell’opera pianistica dell’americano Bauman ed ha suonato con importanti orchestre. Ha un’intensa attività concertistica che la porta ad esibirsi in tutt’Italia ed all’estero sia da solista che in gruppi cameristici. Ha conseguito tre specializzazioni all’insegnamento presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia ed è direttrice artistica del Concorso musicale “Città di Piove di Sacco” e di numerose stagioni concertistiche. Insegna pianoforte al Conservatorio C. Pollini di Padova ed è Visiting Teacher alla prestigiosa Trinity School di Londra.

Segui Imperiapost anche su: