Porta a porta, mancato blocco degli straordinari, CGIL, CISL E FIADEL replicano a La Marca (Uil):”potevamo scioperare, perché ha voluto impedirlo?”

Cronaca Cronaca Imperia

Questa mattina, l’esponente della Uil aveva replicato ai colleghi accusandoli di non conoscere la normativa, ora giunge alla redazione la replica.

Continua il botta e risposta tra i sindacalisti del comparto ambiente relativamente al caso scoppiato a seguito delle accuse da parte degli esponenti delle sigle FP CGIL. FIT CISL e FIADEL nei confronti del collega Luigi La Marca che avrebbe “diffuso notizie false” sulla possibilità di bloccare gli straordinari ai lavoratori della Teknoservice. Questa mattina, l’esponente della Uil aveva replicato ai colleghi accusandoli di non conoscere la normativa, ora giunge alla redazione la replica.

“Da giorni – scrivono in un comunicato congiunto FP CGIL. FIT CISL e FIADEL – chiediamo al collega della UILTRASPORTI che ci dia la copia del parere negativo che ha detto di avere. Questo è il punto: o ha il parere oppure ha raggirato i giornali, a cui ha fatto pubblicare una falsa notizia, noi sindacalisti e soprattutto i lavoratori che, esausti del lavoro, debbono continuare coi turni massacranti.

Poi, a proposito della conoscenza della normativa, ecco cosa dice il CCNL. Dall’11.4 avremmo potuto legittimamente attuare il blocco per almeno quattro giorni, ma chissà perché, il tanto preparato sindacalista ce lo spiegherà, lo sciopero si doveva posticipare. A chi faceva comodo? Perché ha voluto impedirlo?”

Segui Imperiapost anche su: