Imperia: processo esplosione sala scommesse, per Mucciolo e Trifilio pena ridotta in Appello/La sentenza

Giudiziaria Imperia

Quattro anni di carcere per Michele Mucciolo e tre per Ippolito Trifilio. Così si è chiuso il processo d’appello relativo all’esplosione della sala scommesse Eurobet in via del Collegio a Imperia che causò la morte di due giovani albanesi (Albert Jakupaj, 19 anni, e Aranit Isamajlukaj, 29 anni).

Esplosione sala scommesse: Mucciolo e Trifilio, pene ridotte in Appello

La Corte ha accolto l’istanza di concordato presentata dai legali dei due imputati (Alessandro Mager per Mucciolo e Loredana Modaffari per Trifilio) riducendo le condanne di primo grado. Da 4 anni e 8 mesi a 4 anni Mucciolo e da 4 anni a 3 anni Trifilio.  Confermata la condanna al risarcimento delle parti civili.

Le accuse nei confronti dei due imputati sono incendio aggravato e morte come conseguenza di altro reato. Con il ricorso al concordato la condanna per Michele Mucciolo e Ippolito Trifilio diventa definitiva, in quanto con la rinuncia ai motivi di appello è impossibile ricorrere in Cassazione.

Michele Mucciolo è accusato di essere il mandante, insieme ad Alessio Alberigo (il processo di primo grado, con rito ordinario, prenderà il via il prossimo 9 luglio), dell’attentato incendiario alla sala scommesse, di cui erano gestori, con l’obiettivo di intascare i soldi dell’assicurazione.

A Ippolito Trifilio è contestato il ruolo di tramite tra Mucciolo, Alberigo e gli attentatori albanesi.