21 Maggio 2024 21:35

Cerca
Close this search box.

21 Maggio 2024 21:35

Da Lucinasco a Londra: l’olio di Cristina conquista i palati d’Europa. “Ho raccolto la tradizione dei miei nonni”/La storia

In breve: Cristina, 34enne, ha raccolto l'eredità lasciata da nonni e genitori, portando avanti la tradizione contadina e producendo un olio di grande qualità.

Quando si lavora con passione e motivazione, i risultati non tardano ad arrivare. A dimostrarlo è l‘azienda agricola di Cristina Armato di Lucinasco che, recentemente, ha ottenuto due medaglie d’argento in altrettanti concorsi internazionali.

Cristina, 34enne, ha raccolto l’eredità lasciata da nonni e genitori, portando avanti la tradizione contadina e producendo un olio di grande qualità.

Per conoscere la storia di Cristina e il segreto del suo ottimo olio, ImperiaPost l’ha intervistata.

L’olio di Lucinasco sul podio a Londra e a Sanremo

Cosa significano per lei questi riconoscimenti?

“In passato avevamo già ottenuto riconoscimenti per il nostro olio, ma è la prima volta che ci spingiamo sul livello mondiale, quindi per noi è un gran risultato – spiega Cristina – Lo scorso aprile abbiamo partecipato al concorso internazionale London Olive Oil, confrontandoci con i migliori produttori di olio provenienti da tutto il mondo (Stati Uniti, Giappone, Turchia e molti altri). Abbiamo portato l’olio di nostra produzione “Linea Devia”, ottenendo la medaglia d’argento nella categoria “fruttato medio”, un risultato molto difficile.

Inoltre, abbiamo vinto l’argento anche a Sanremo al MOOOIC (Masters of Olive Oil International Contest), ideato dal dott. Aldo Mazzini, ottenendo il certificato di Hight quality”.

Da quanto tempo porta avanti questa attività?

“La nostra è una piccola realtà a conduzione famigliare – racconta – io sono la quinta generazione di contadini. La nostra attività risale al 1870, dai miei nonni materni. Per questo la linea dell’olio si chiama “Devia”, come il cognome di mia mamma e dei miei nonni.

Fino al 2008 abbiamo sempre lavorato come “operai” dei frantoiani, poi abbiamo deciso di compiere un salto e farci conoscere al pubblico, prima con i miei genitori e ora con mio marito. Siamo partiti da zero, puntando subito sulla qualità, usando olive che produciamo solo nella nostra azienda agricola”. 

Una scelta coraggiosa puntare su agricoltura e tradizione?

“Sì, siamo orgogliosi del nostro lavoro, grazie al quale facciamo rivivere la nostra terra e le nostre origini. Uniamo la tradizione con l’innovazione e siamo molto attivi online. Siamo felici di mostrare come si vive tutti i giorni facendo questo mestiere”.

Condividi questo articolo: