Matteo Salvini a Sanremo, piazza gremita per il leader della Lega. “L’obiettivo è azzerare il numero dei clandestini”/Foto e video

Attualità Politica

Il vice premier leghista è arrivato a Sanremo a sostegno del candidato sindaco Tommasini.

“L’obiettivo è azzerare il numero dei clandestini”. Lo ha affermato il vice premier Matteo Salvini, Ministro dell’Interno, durante il comizio a Sanremo, in piazza Borea d’Olmo, a sostegno del candidato sindaco del centrodestra e della lista civica “100 per Cento Sanremo” Sergio Tommasini.

Tra i presenti, il vice ministro e segretario Lega Edoardo Rixi, la vice presidente della Regione Liguria Sonia Viale, il presidente del consiglio regionale Alessandro Piana, il deputato Flavio Di Muro, il senatore Paolo Ripamonti, la consigliera comunale Lega di Imperia Monica Gatti, il candidato Sindaco per il Comune di Ventimiglia Gaetano Scullino e i candidati alle Europee.

La città, in vista dell’incontro, è stata blindata per assicurare la sicurezza. Contestualmente, lungo le vie limitrofe, è scattata una contro-manifestazione per contestare le politiche del leader leghista.

Sergio Tommasini

“Noi non vogliamo una città sporca, un’amministrazione di “vedremo”, “faremo”, e sperpero di denaro pubblico. Noi cittadini non possiamo essere ricordati dall’amministrazione solo quando siamo elettori, dobbiamo ricordarci di tutti i quartieri sempre, per tutti i 5 anni. Vogliamo una città più pulita, più sicura, con un’economia rilanciata”. 

Edoardo Rixi

“È bellissimo vedere una piazza così piena a Sanremo, vuol dire che c’è bisogno di cambiamento. Questa Regione è stata la prima da dove abbiamo iniziato a cambiare il paese, dopo che da un decennio era in mano al centro sinistro. Mi sembra paradossale che l‘unico posto dove sono rimasti i comunisti è in provincia di Imperia. Chiedo quindi una grande risposta alle Europee.

Qui c’è la frontiera con la Francia, quindi ci sono problemi che si ripetono. L’obiettivo è riprendere i Comuni di Sanremo e Ventimiglia, solo tra amministrazioni amiche si può lavorare bene. La provincia di Imperia è stata considerata come la periferia, mentre dev’essere il cuore pulsante del turismo. Dobbiamo far vedere che siamo meglio della Costa Azzurra. Per fare turismo ci vogliono città sicure, meno immigrazione clandestina, non accettare campi profughi alle frontiere e difendere il nostro mare. Dobbiamo avere una Lega forte nelle amministrazioni

Matteo Salvini

“Avere questa marea di gente che ci dedica un’oretta invece di riposarsi di domenica mi dice che gli sforzi che stiamo facendo sono apprezzati, nonostante qualcuno a sinistra minacci, insulti, attacchi. Questo è il migliore compenso in democrazia.

Sono orgoglioso di girare le piazze di questo paese. Aver ridato orgoglio a milioni di italiani, non abbiamo niente da invidiare a nessuno.

Non chiediamo miracoli a livello di sindaci. Sanremo è conosciuta per i fiori, per le canzoni, per le spiagge. Al Sindaco io chiedo di tenere pulita la città. I fenomeni di sinistra fanno gli ambientalisti e poi la città è più sporca di prima. Chiedo la manutenzione delle strade. Una città bella non solo per gli italiani una settimana all’anno ma perché ci vive 365 giorni all’anno. Chiedo di usare meglio i soldi a disposizione. 

Votare Lega farà la differenza sul lavoro, sulle banche. Abbiamo messo 1 miliardo di euro per risarcire i cittadini truffati, ma dobbiamo aspettare il permesso dell’Unione Europea. Sono i soldi degli italiani, perché bisogna aspettare il timbro dei burocrati di Bruxelles? Voglio licenziarli.

Auguri a tutte le mamme, non a tutte le “genitrici 2”. Vogliono prospettarci come futuro la “marmellata unica” che non si capisce niente. 

È fondamentale anche la sicurezza. Abbiamo diminuito gli sbarchi del 92% rispetto all’anno scorso. A Ventimiglia abbiamo dimezzato le presenze. L’obiettivo è azzerare il numero dei clandestini.

Abbiamo preparato il nuovo decreto sicurezza che va ad aggiungere altri elementi di certezza. Ad esempio, sull’immigrazione: si possono usare anche le intercettazioni telefoniche per intercettare gli scafisti, se qualcuna di queste navi e di volontari non rispettano le leggi e le regole del mare, per ogni immigrato clandestino che porti c’è una multa da 5 mila euro. In un paese si entra se si ha il permesso di arrivare. C’è l’inasprimento delle sanzioni per chi aggredisce le forze dell’ordine, fisicamente e verbalmente. Ci vuole rispetto per chi indossa la divisa. Abbiamo messo la norma “spazzaclan”. Speriamo che Noemi vinca la battaglia in quel letto di ospedale. Il problema non è arrestare i camorristi, ma dopo l’arresto devono andare in carcere. Solo a Napoli ci sono 12 mila condannati che non sono in carcere perché la giustizia non ce la fa. Noi vogliamo l’assunzione di 800 persone che mettano in carcere queste persone.

A sinistra dicono “è fascista”. Io penso che portare rispetto, ordine e disciplina in questo paese sia urgente. 

Se qualcuno ha proposte va bene, non accetto i “no”. L’unica cosa da bloccare sono i barconi, per il resto bisogna andare avanti. Sull’immigrazione abbiamo fatto per conto nostro, mi è costato un tentato processo, ora ne stanno tentando un altro. Se volete processarmi fatelo pure, vengo in Tribunale a testa alta perché ho difeso i confini del paese. Indagare un Ministro per aver bloccato un barcone per 4 giorni, e che ca**o. Fossero questi i problemi dell’Italia.

Una scelta per la Lega per l’Europa è importane anche sui temi dell’economia. La Legge Fornero la restituiamo al passato, partendo con quota 100. Molti andranno in pensione a riposare mentre i giovani inizieranno a lavorare, senza dover scappare dall’Italia.

Sono orgoglioso dell’immensa giustizia sociale che siamo riusciti a fare.

Abbiamo cercato la pace fiscale. Vogliamo semplificare la vita a chi lavora, eliminando gli studi di settore. Per combattere l’evasione fiscale bisogna abbassare le tasse, altrimenti c’è il terrore fiscale.

I primi tre mesi di quest’anno, grazie alla flat tax hanno aperto in Italia 200 mila partite iva nuove. 

Abbassamento delle tasse per famiglia e imprese e sicurezza, sono queste le due priorità.

Faccio a meno di Lilli Gruber e Fabio Fazio. Il Senato approverà le telecamere negli asili nido. È stata approvata la legge che riporta l’educazione civica sui banchi di scuola. È legge la legittima difesa. Non è il far west, è il diritto di difendersi senza aspettare di capire quanto cattivo è il rapinatore. 

Stiamo cercando di riportare ordine e regole. Dobbiamo tornare a essere uomini e donne normali, un paese normale. 

La Liguria è la regione italiana più anziana e fra quelle che fa meno figli. Non penso perché i ragazzi e le ragazze abbiano dimenticato come si fa, ma perché c’è meno certezza. La Carige dovrebbe chiedere scusa ai liguri.

Mancano 14 giorni alle Elezioni. Qui valutate se le amministrazioni uscenti hanno fatto quello che dovevano fare. Svegliate i liguri che ancora dormano. I dati dicono che 4 italiani su 10 non vanno al voto ma al mare. Quindi vuol dire che domani, quando andate in ufficio 1 su 2 se ne fregano. L’Europa entra nel nostro negozio, si occupa delle pensioni, del nostro mare. Domenica 26 maggio vi chiedo di darci una mano. È un referendum tra la vita e la morte, tra il futuro e il passato. O ripuliamo l’Europa per i nostri figli, oppure lasciamo uno stato islamico fondato sulla precarietà e sulla paura.

Viva la Lega, viva Sanremo”. 

Segui Imperiapost anche su: