Imperia, processo morte Mauro Feola: nuove accuse per gli ex bagnini, modificato capo imputazione/L’udienza

Giudiziaria Imperia

La modifica del capo di imputazione ha portato allo slittamento della discussione.

Importante svolta nel processo processo che vede sul banco degli imputati i due ex bagnini del “Papeete Beach”, Caterina Pandolfi e Aldo De Notaris, difesi dall’avvocato Erminio Annoni, accusati di omicidio colposo per la morte morte di Mauro Feola, avvenuta il 25 luglio 2015.

Questa mattina era in programma la discussione, ma il Pubblico Ministero, Maria Paola Marrali, dopo la chiusura della fase istruttoria, ha annunciato un’integrazione del capo di imputazione a carico dei due bagnini.

Imperia: processo morte Mauro Feola, cambia capo imputazione per bagnini

“Mi è parso che nell’ambito del dibattimento sia emersa una colpa anche nella fase di prevenzione – ha spiegato il Pm davanti al giudice monocratico Laura Russo – I periti hanno dimostrato l’importanza della mancata verifica dello stato dei luoghi che, come conseguenza, avrebbe potuto portare a una scelta più attenta e idonea della strumentazione necessaria per il salvataggio”.

Nel dettaglio, la contestazione riguarda l’omessa analisi di fondali e correnti nello specchio acqueo antistante lo stabilimento balneare “Papeete Beach” e l’omessa dotazione dei necessari strumenti di soccorso, anche facoltativi, caschetto, giubbetto e rescue tube.

La modifica del capo di imputazione ha portato allo slittamento della discussione. Il giudice Laura Russo ha fissato due nuove udienze, il 25 settembre e il 16 ottobre.

Segui Imperiapost anche su: