Imperia: è Ray Connor il 23enne morto dopo essere caduto dal tetto dell’ex Salso/I dettagli

Attualità Imperia

Il corpo senza vita del 23enne, marinaio è stato ritrovato dai Vigili del Fuoco

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

È Raymond Connor il giovane marinaio che oggi, giovedì 22 agosto, è stato trovato senza vita all’interno dell’ex Deposito Franco, dopo essere caduto, facendo un volo di circa 10 metri, dal tetto della struttura adiacente il Museo Navale di Imperia. 

Imperia: muore cadendo dal tetto dell’ex Deposito Franco. Ecco chi è la vittima

Raymond Connor, 23 anni, lavorava a bordo dello yacht Hampshire II ormeggiato nel porto di Imperia da lunedì scorso, 19 agosto. 

Tra le passioni del marinaio inglese registrate sul profilo Facebook anche il parkour, disciplina nata in Francia negli anni ’90 che consiste nel superare qualunque ostacolo attraverso corsa, salti, equilibrio, scalate, arrampicate. 

Un elemento importante, visto che tra le ipotesi avanzate dagli inquirenti c’è anche quella secondo la quale il 23enne sarebbe precipitato dal tetto dell’ex Salso mentre praticava appunto il parkour. 

Imperia: tragedia all’ex Salso, indagini in corso

Il corpo senza vita del 23enne, marinaio è stato ritrovato dai Vigili del Fuoco. I soccorritori hanno trovato una falla in una struttura in plexiglass, sul tetto dell’ex Salso. Appena sotto il cadavere del giovane, precipitato per una decina di metri circa.

Polizia, Carabinieri e Vigili del Fuoco si erano messi alla ricerca del giovane a seguito della segnalazione della sorella che aveva ricevuto dal fratello alcuni video girati proprio sul tetto dell’ex Salso. Dopo alcune ore la drammatica scoperta.

La tragedia potrebbe essere direttamente collegata con la presunta intrusione all’interno del Museo Navale registrata nella notte tra lunedì e martedì.

Polizia e Carabinieri avevano ricevuto la segnalazione della presenza di un soggettosul tetto del Museo Navale. Al loro arrivo, però, le forze dell’ordine non avevano trovato nessuno. Neanche il secondo sopralluogo, effettuato al mattino, aveva portato a novità significative.

I militari, che avevano trovato la porta del Museo aperta (probabilmente per una distrazione del personale) avevano ipotizzato che il presunto intrusore fosse fuggito attraverso la porta facendo perdere le proprie tracce.

Il Pubblico Ministero Enrico Cinnella della Porta ha aperto un’inchiesta per far luce sull’accaduto e disposto l’autopsia per chiarire le cause e le tempistiche del decesso. 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!