24 Aprile 2024 07:44

Cerca
Close this search box.

24 Aprile 2024 07:44

Imperia: arriva il bike sharing, via libera del Comune/La mappa delle stazioni

In breve: Approvato il progetto di Bike Sharing allo scopo di favorire la mobilità ciclistica, sia in ottica di integrazione del servizio di trasporto pubblico, sia a scopo turistico ricreativo.

Bike sharing anche a Imperia. Questa la proposta dell’amministrazione Scajola, approvata dalla Giunta lo scorso 12 febbraio.

Imperia: via libera al Bike Sharing

Nel dettaglio, la Giunta ha approvato il progetto di Bike Sharing (noleggio biciclette condivise) “allo scopo di favorire la mobilità ciclistica sia in ottica di integrazione del servizio di trasporto pubblico – come possibile soluzione al problema dell’ ultimo chilometro, cioè quel tratto di percorso che separa la fermata del mezzo pubblico alla destinazione finale dell’utente – sia a scopo turistico ricreativo, anche in previsione della ormai prossima realizzazione della nuova pista ciclopedonale”.

Modalità affidamento servizio

Il Comune di Imperia ha deciso di affidare il servizio in concessione tramite un bando a evidenza pubblica, in quanto la procedura “ritenuta più funzionale”.

La durata massima della concessione si legge negli atti approvati dalla Giunta non può essere superiore al periodo di tempo necessario al recupero degli investimenti da parte del concessionario individuato sulla base di criteri di ragionevolezza, insieme ad una remunerazione del capitale investito, tenuto conto degli investimenti necessari per conseguire gli obiettivi contrattuali specifici come risultante dal piano economico-finanziario”.

Le modalità del servizio

  • il sistema dovrà essere a flusso vincolato, eventualmente con la possibilità di stazioni virtuali, ovvero dei
    punti prestabiliti di prelievo e riconsegna delle biciclette senza però ricorrere a infrastrutture fisse;
  • si dovrà realizzare un sistema self-service che permetta di accedere all’utilizzo di una flotta di biciclette
    dedicate distribuite sul territorio tra diversi punti di prelevamento e successivamente di restituire le stesse biciclette anche in posizioni diverse, completamente automatizzato per l’utente, che deve poter
    visualizzare le biciclette disponibili, prenotarle, sbloccarle a inizio utilizzo e bloccarle al termine, pagare, segnalare guasti, malfunzionamenti o comportamenti scorretti da parte di altri utenti, il tutto tramite una apposita applicazione per smartphone;

Le stazioni del Bike Sharing

  • Prino (fascia litoranea)
  • Foce (fascia litoranea)
  • Marina (fascia litoranea)
  • Parco urbano
  • Biblioteca
  • Rabina (fascia litoranea)
  • Stazione ferroviaria dismessa – Oneglia
  • Stazione RFI
  • Comune
  • Stazione ferroviaria dismessa – Porto Maurizio
  • via Cascione
  • piazza Parasio
  • possibilità di installazioni stagionali per alcune stazioni
  • stazioni in corrispondenza dei poli scolastici, in accordo con l’Amministrazione, che potranno avere carattere di installazione stagionale, coincidente con l’anno scolastico;

La caratteristiche delle biciclette

  • essere a due ruote con telaio realizzato in materiale ad alta resistenza e solidità, con finiture tali da
    garantire la protezione da atti vandalici;
  • sistema GPS per la localizzazione (funzionale sia all’utilizzo ordinario che in caso di furto);
  • sistema di bloccaggio elettronico sbloccabile da remoto tramite applicazione per smartphone, concepito
    in maniera tale che la bicicletta possa essere parcheggiata nelle stazioni virtuali senza essere
    necessariamente legata ad un supporto (rastrelliera);
  • sistema di trasmissione e ruote realizzati in modo da minimizzare gli interventi di manutenzione e i disagi per l’utente durante l’utilizzo;
  • misure del telaio adatte a bambini, giovani ed adulti, tanto uomini che donne, con sella e manubrio
    regolabili facilmente in altezza – ma non estraibili – secondo le esigenze di ciascun utilizzatore;
  • cavalletto di sostegno da utilizzare in posizione di riposo;
  • sistema di illuminazione notturna anteriore e posteriore;
  • freno anteriore e posteriore;
  • dispositivi di segnalazione acustica;
  • eventuali altri accessori e dispositivi volti al miglioramento della fruibilità e funzionalità del mezzo;
  • la flotta dovrà comprendere biciclette a pedalata assistita;
  • tutte le biciclette dovranno possedere adeguate coperture assicurative;
  • la struttura tariffaria, che sarà assunta dai concorrenti all’interno dei rispettivi piani economico- finanziari,
    potrà prevedere forme agevolate di accesso al servizio e al pagamento;

Le caratteristiche del servizio

  • il servizio dovrà essere assicurato continuativamente per tutti i giorni dell’anno (con possibilità di alcune installazioni a carattere stagionale, come specificato ai punti 4 e 5), 24 ore su 24, salvo diverse disposizioni dell’Ente per ragioni di sicurezza ed ordine pubblico, e dovrà essere garantito per tutto il periodo autorizzato;
  • ogni stazione potrà avere un numero di stalli non superiore a 30 biciclette;
  • i corrispettivi di utilizzo previsti dovranno essere omnicomprensivi ovvero includere tutti i costi di esercizio del veicolo (manutenzione, riparazione,etc);
  • con cadenza almeno annuale, dovranno essere effettuate indagini per rilevare il livello di soddisfazione del cliente (c.d. Customer satisfaction) da concordare con il Comune con il quale verranno condivise le
    metodologie e i risultati finali;

Condividi questo articolo: